Sviluppatore: TT Games Publisher: Warner Bros. Interactive Entertainment Piattaforma: PS4 Genere: Avventura Giocatori: 1-2 PEGI: 7 Prezzo: 39,99 €

Con ogni probabilità, non esiste nulla di più universale dei LEGO. Adulti e bambini, a chiunque, anche solo toccando un mattoncino, viene spontaneo sprigionare la propria creatività. I LEGO, non è un mistero, hanno spesso aiutato persino il mondo dei videogiochi grazie alla semplicità nella creazione di concept relativi ad architetture e strutture, e ne è un esempio la Shadow Moses di Metal Gear Solid, creata da Hideo Kojima proprio grazie all’ausilio dei mattoncini assemblabili.

Da tanti anni il brand è approdato anche nel mondo videoludico, presentando prodotti di tutto rispetto riconoscibili dall’accessibilità ai giocatori di tutte le età, senza risparmiarsi di dar vita alle più disparate collaborazioni. Gettandosi contemporaneamente persino nel mondo cinematografico, nacque qualche anno fa la perla che è The LEGO Movie, da cui venne fuori un valido videogioco tie-in in concomitanza con la sua uscita. Ebbene, lo stesso trattamento è toccato al sequel The LEGO Movie 2, film ancor più apprezzato dalla critica internazionale. Ma il successo di un film, tuttavia, non sempre si traduce in un videogioco di altrettanto successo, e The LEGO Movie 2 Videogame, purtroppo, ne è l’esempio. Scopriamo insieme perché quei mattoncini è meglio lasciarli divisi.

Una nuova avventura

La storia del secondo videogioco, esattamente come il primo, ricalca gli eventi del film con le dovute eccezioni dovute a fini del gameplay. Dopo aver sventato la minaccia del Kragle, Emmet e compagni si ritrovano alle prese con gli alieni Duplo, spessi blocchi colorati che atterrano a Bricksburg seminando il panico, guidati dal generale Sconquasso, che sotto l’ordine della regina Wello Ke-Wuoglio del Sistema Sorellare rapisce tutti i compagni del protagonista (esclusa Lucy, nel videogioco, per favorire un ingresso giustificato per il secondo giocatore o più probabilmente alle bambine che lo giocheranno).

Nei panni di Emmet o Lucy, i giocatori attraverseranno i vari pianeti di tutti i Sistemi per salvare i propri compagni, aiutando gli abitanti delle città visitate. Non c’è molto altro da segnalare sul comparto narrativo, non solo per evitare di fare spoiler sul film di recente uscita, ma soprattutto perché è il gioco stesso che cerca con ogni mezzo di rendere il resto della storia poco completa, a causa di una narrazione lenta e noiosa, raccontata esclusivamente da monologhi di Lucy rivolti al giocatore. La trama risulta poco approfondita e la profondità dei personaggi viene a mancare, spunta solo un pizzico di comicità; insomma, sembra solo un (costoso) invito a guardare il film.

Come un vero Mastro Costruttore

Il gameplay di The LEGO Movie 2 Videogame si discosta pesantemente da quanto si era già visto dal gioco basato sul primo film, presentando una visuale ravvicinata sulla falsariga di LEGO Worlds, comprensibile considerando che sono entrambi sviluppati da Traveller’s Tales, anche se rimane ingiustificabile come il tutto sembri muoversi più lentamente. I movimenti dei personaggi – questi intercambiabili tra più di cento modelli, tra cui anche i personaggi DC Comics, come Batman – per quanto buoni nel complesso, risultano un po’ più rigidi. Tra mattoncini da recuperare distruggendo oggetti (o “persone”, senza che nessuno intervenga) e il loro riciclo grazie ai progetti nell’inventario, tanta è la varietà di gioco. O almeno ipoteticamente, considerando che nel corso della storia utilizzeremo raramente oggetti diversi da generatori, irrigatori e trampolini per esplorare l’ambiente.

I completisti avranno pane per i propri denti, però: il gioco trabocca di elementi secondari, tra missioni e collezionabili da raccogliere. Le quest sono veramente tante, almeno una ventina sparsa per ogni mondo (anche se, precisiamo, sono abbastanza ridondanti) e gli oggetti da recuperare sono ancora di più e di diverso tipo. Vi sono i pezzi unici, ad esempio, mattoncini nascosti nei mondi sandbox essenziali per sbloccare nuovi mondi e contenuti, a cui si affiancano i cimeli, una sorta di loot box che, a seconda del tipo, può sbloccarvi abiti, armi equipaggiabili o skin complete, che per quanto ispirate non riusciranno a vincere sulla volontà di vestire i panni dei protagonisti.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
5/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva RICO, sparatutto action con casi generati proceduralmente
Prossimo articoloDevil May Cry 5, i dataminer scoprono tanti nuovi contenuti in arrivo
Avatar
Cresciuto a pane e Crash Bandicoot, deve la sua conoscenza dell'inglese grazie a uno studio intenso dei dialoghi sottotitolati nei videogiochi. Grande amante degli action RPG e dei platform, dei cani e del wrestling.