Sviluppatore: MachineGames, Arkane Studios Publisher: Bethesda Softworks Piattaforma: PS4 Genere: FPS Giocatori: 1 PEGI: 18 Prezzo: 19,99 €

Di come MachineGames abbia reso ancor più straordinaria la storica saga di Wolfenstein, grazie a The New Order e The New Colossus, ve ne abbiamo già parlato ampiamente. Piuttosto che adagiarsi sugli allori, però, i ragazzi della casa di sviluppo svedese hanno voluto sperimentare e, grazie alla collaborazione con Arkane Studios, qualche giorno fa sono arrivati su PlayStation 4 Wolfenstein: Youngblood e Wolfenstein: Cyberpilot. Stiamo parlando di due spin-off vicini alla saga principale per ambientazione e tematiche, ma che introducono feature finora inedite: la modalità cooperativa e la realtà virtuale. L’esperimento fatto con Youngblood sembra essere riuscito, come testimoniato dalla recensione del nostro Andrea, tuttavia possiamo dire lo stesso dell’approdo di Wolfenstein su PlayStation VR?

Hackerato

Indossato il visore per la realtà virtuale, ci ritroveremo immediatamente nei panni del Cyberpilot, esperto pilota di mezzi di qualsiasi tipo. Guidati dalla voce di Maria, membro della Resistenza francese, dovremo hackerare e prendere il controllo di tre devastanti macchine da guerra naziste: il Panzerhund, il Drone e il Zitadelle. La trama è ambientata nel 1980, vent’anni dopo The New Colossus e prima di Youngblood, ma non offre particolari spunti, ad eccezione di una piccola rivelazione prima del finale.

In linea (purtroppo) con molte altre produzioni dedicate alla realtà virtuale, viene data importanza quasi esclusivamente al gameplay e all’esperienza visiva, piuttosto che alla narrazione. Qualcosa che non può far felice chi ha apprezzato gli ultimi episodi della saga, caratterizzati da trame e personaggi eccellenti. Se quindi vi aspettavate un “vero” Wolfenstein per PlayStation VR, almeno sotto questo punto di vista, potreste rimanere molto delusi.

Sul più bello

Chiudere un occhio sul comparto narrativo di un titolo dedicato alla realtà virtuale, tutto sommato ci può stare. Quello che proprio non abbiamo gradito, è stata invece la durata del gioco. Appena quattro missioni, in una campagna che è possibile portare a termine in un paio d’ore (anche a difficoltà massima), ci sono sembrate davvero poche per una produzione che porta il nome di Wolfenstein. L’esperienza di gioco, al netto di qualche difetto, è comunque divertente, per questo è ancora più amaro scoprire che tutto finisce proprio quando si cominciava a fare sul serio.

Le prime tre missioni ci mettono al comando delle tre diverse macchine, permettendoci di prendere familiarità con i comandi e padroneggiare le loro funzionalità. Nell’ultima, invece, dovremo gestirle tutte e tre sullo stesso campo di battaglia, in modo da aggirare i vari ostacoli strutturali. Seppure il gioco sia sempre piuttosto guidato, con un level design che non lascia spazio a percorsi alternativi, l’esperienza a bordo dei mezzi a disposizione è molto gradevole in realtà virtuale. Insomma, a nostro parere sarebbero bastate giusto un paio di missioni in più per permettere a Cyberpilot di dimostrare tutto il suo potenziale. Un’occasione persa.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
Articolo precedenteAnthem, una grossa patch introduce il primo Cataclisma
Prossimo articoloValfaris, erede spirituale di Slain: Back from Hell, arriverà anche in versione retail
Gennaro Favatà
Detto anche Giovanni, dagli amici di Ubisoft. Newser, inviato, grafico e se sei fortunato lo trovi anche sul forum di PlayStationBit. Ama alla follia fumetti, cartoni animati, videogiochi e quanto di più colorato e nonsense ci sia, non disdegnando però generi più dark come l'horror e il noir. Inoltre, come ogni eroe che si rispetti, sa trattenere il fiato per dieci minuti.