Sviluppatore: Saber Interactive Publisher: 2K Games Piattaforma: PS4 Genere: Arcade Giocatori: 1-4 (Online: 2-8) PEGI: 12 Prezzo: 39,99 €

Clash of Bugs

Le tipologie di match, purtroppo, non sono tante. Ci si limita al classico one on one, seguito dai tag team match, dai triple threat e dai fatal 4-way, con le “varianti” trasformate in Steel Cage (con la divertente aggiunta di dover collezionare borse piene di soldi prima di poter fuggire dalla gabbia), Gauntlet e Royal Rumble. Ci aspettavamo qualche tipologia più bizzarra e che ben si sarebbe sposata con la natura di WWE 2K Battlegrounds, come l’Hell in a Cell o la Elimination Chamber, invece assenti.

WWE 2K Battlegrounds

Fa però il suo trionfale ingresso la modalità King of the Battlegrounds, una sorta di Royal Rumble perpetua e online in cui il videogiocatore, senza alcun numero, entra sul ring e ha il solo scopo di buttare fuori tutti gli avversari. Si tratta di un incontro maledettamente punitivo, ma incredibilmente soddisfacente da vincere. Una sudata così non la si vedeva dalla frustrante Torre 2K da un milione di dollari di 2K19. Non da sottovalutare anche i tornei a tempo, al momento della stesura disponibili in formato classico, Steel Cage e femminile, che consistono in una serie di match online da vincere consecutivamente. Tuttavia, WWE 2K Battlegrounds soffre di frame rate ballerino e glitch grafici legati a prese e tuffi dal paletto, almeno in incontri che prevedono la presenza di più di due wrestler, e di poca varietà delle mosse, palese a lungo andare. Gli stili dei personaggi, che siano All-Rounder, High Flyer, Technician, Brawler o Powerhouse, poco impattano sulla varietà.

Ma i tanti bug riscontrati e il roster iniziale veramente scarno fanno pensare a un videogioco incompleto, tante saranno le spese che i videogiocatori dovranno affrontare per sbloccare tutti i personaggi e le loro skin, queste ottenibili solo in un negozio con refresh a tempo e troppo costose. Vengono in soccorso i Golden Buck, valuta acquistabile con denaro vero che velocizza esponenzialmente l’ottenimento di tutto il roster. Ma per fortuna è tutto sbloccabile giocando, le microtransazioni non sono mai aggressive.

WWE 2K Battlegrounds

That’s such good shit!

Se la colonna sonora è da considerare inattaccabile tant’è esplosiva e azzeccata, è invece il comparto grafico a essere troppo strano per passare inosservato. A primo impatto, più che simpatici, i modelli dei personaggi risultano terrificanti tanto sono deformed, senza contare che alcuni wrestler stentano a ricordare le controparti reali, Randy Orton su tutti. Di scarsa qualità anche le animazioni, ridondanti. Così come il roster iniziale, questo addirittura composto da atleti non più sotto contratto con la WWE, come Brock Lesnar (eh già!) ed Erick Rowan. Anche le arene sono pochissime. Poche, ma buone, quantomeno.

Dopo l’ottimo editor degli scorsi capitoli, ci saremmo aspettati qualcosa di un po’ più elaborato per WWE 2K Battlegrounds per quanto riguarda la creazione del personaggio, cosa che invece si riduce a un riciclo di asset e modelli (pochi). Non si può dire lo stesso dell’editor dell’arena, invece, in cui si nota un certo impegno. Ci viene data la possibilità di scegliere colore e materiale del tappeto, sia interno che esterno, oltre che delle singole corde, fino ad arrivare al tipo di pubblico.

Trofeisticamente parlando: 24/7 Champion

Prendere tutti i trofei di WWE 2K Battlegrounds ha purtroppo lo stesso valore del titolo 24/7. Per la prima volta, in un videogioco targato WWE il Platino è assente. Per ottenere i soli tredici trofei che compongono il set, basterà essenzialmente completare la modalità Campagna e dilettarsi in qualche Gauntlet o Royal Rumble, in quest’ultimo caso per vincerne una a trenta uomini a difficoltà media o superiore. Nessun trofeo online, questa volta.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteKunimitsu e il nuovo stage Vermilion Gates sono disponibili in Tekken 7
Prossimo articoloDIRT 5 è finalmente disponibile anche su PlayStation 5
Avatar
Cresciuto a pane e Crash Bandicoot, deve la sua conoscenza dell'inglese grazie a uno studio intenso dei dialoghi sottotitolati nei videogiochi. Grande amante degli action RPG e dei platform, dei cani e del wrestling.

Facci sapere come la pensi. Per noi è importante.