MobileDai creatori di Journey è in arrivo su PlayStation 4 Sky: Children...

Dai creatori di Journey è in arrivo su PlayStation 4 Sky: Children of Light

Jenova Chen, co-fondatore di thatgamecompany, azienda di sviluppo statunitense diventata celebre nel 2012 grazie al pluripremiato Journey, ha rilasciato delle dichiarazioni molto importanti in relazione a Sky: Children of Light:

Il nostro titolo è già disponibile su iPad, e arriverà anche su console e PC in futuro. Lo abbiamo rilasciato da poco per iOS, mentre la versione Android dovrebbe uscire fra un mese. In futuro potrete giocare il gioco su tutte le piattaforme. Inoltre, che giochiate su PlayStation 4 o Nintendo Switch, supporteremo il cross-play.

Dunque, Sky: Children of Light arriverà ufficialmente anche su PlayStation 4, in cross-play con le altre piattaforme. Per chi non conoscesse il gioco, si tratta di un MMO che ripercorre a livello artistico i precedenti lavori di thatgamecompany (Flower e fl0w, oltre al già citato Journey), offrendo un gameplay poetico e sensoriale.

Essendo un MMO, la comunicazione fra i giocatori consisterà, ad esempio, nelle interazioni via chat, via sinfonie musicali e tramite l’immancabile e coinvolgente esplorazione. Sarà inoltre possibile aumentare l’amicizia donando delle candele. Un gioco indubbiamente non per tutti, ma che nasconde al suo interno il potenziale rivoluzionario del suo predecessore.

Articoli correlati

Giovanni Paolini
Catalizzatore di flame sul web e drogato seriale di fantacalcio, Giovanni vede il videogioco come un'espressione artistica piuttosto che come un mero intrattenimento privo di contenuti significativi. Per questo motivo, ripudia il 90% dei AAA e si tuffa sfacciatamente nel mercato indipendente, rimanendone il più delle volte scottato seppur senza rimorsi. Amante della musica di qualità, delle narrazioni articolate e di design ispirati, si è tuttavia mostrato fin dall'adolescenza ossessivamente attratto dai personaggi femminili antropomorfi, mistici o animati, universalmente conosciuti come waifu. Rappresenta orgogliosamente la vena toscana del Bit.