God of War è diventato uno dei giochi più iconici degli ultimi vent’anni grazie anche (o forse soprattutto) alla forte personalità del suo protagonista, Kratos. Il fantasma di Sparta è brutale, barbaro e vendicativo, ma anche amorevole nei confronti della sua famiglia. Nell’ultimo episodio uscito su PlayStation 4, poi, abbiamo scoperto essere anche un eccezionale padre; Kratos rappresenta la vera essenza della maschilità, viste anche le avventure erotiche presenti in quasi tutti i titoli della serie. Dunque vi sorprenderà sapere che in realtà il guerriero greco è bisessuale, parola di David Jaffe, director di God of War (2005) e God of War II.

Giugno è il Pride Month e per festeggiare questa ricorrenza un utente ha postato su Twitter un’immagine del barbuto personaggio Sony con indosso una maglia arcobaleno recante la frase: “Siamo tutti umani”. In risposta a questo post si è scatenata una vera e propria polemica irragionevole e per placare gli animi è dovuto intervenire addirittura colui che ha contribuito a dare vita a Kratos. “Quando stavo lavorando alle origini di Kratos per il primo capitolo, sapevo che fosse bisessuale, fino a quando non si è poi accasato con sua moglie. Quindi sì, lui è ufficialmente bisex. Oh, e l’oracolo di God of War? Lesbica, direttamente. Boom!”.

Questo cinguettio è stato replicato anche da Cory Balrog, director di God of War (l’ultimo), salvo poi, pochi minuti dopo, arrivare la smentita di Jaffe. “Lasciatemi spiegare, alcuni di voi sono troppo stupidi persino per capire di essere stati trollati. 1. Kratos non è bisex o gay come ho scritto in precedenza, è etero. 2. Ho fatto quel post perché ero stufo e turbato del fatto che qualcuno fosse infastidito dall’immagine postata da quel ragazzo. E’ stata una bugia pensata per prendere in giro tutti gli hater. Non ho mai pensato fosse etero, ma fa***lo: se è da sempre bisex e lo stiamo apprendendo solo ora? Figo! Per me funzionerebbe!”.