L’attesa per Kingdom Hearts III è stata ripagata con l’avventura che sancisce la fine della saga di Xehanort. Tuttavia una delle principali critiche mosse alla nuova opera di Tetsuya Nomura riguarda l’assenza di personaggi legati alla serie di Final Fantasy, che in passato avevano rivestito un ruolo relativamente importante.

Dal momento che la saga è nata come un’unione fra questo e l’universo Disney, la stampa specializzata e gli appassionati sono rimasti sorpresi dalle scelte fatte e il co-director Tai Yasue ha cercato di fare luce su tali dubbi, dichiarando a GameInformer:

Avevamo molti personaggi originali nel gioco. E’ la conclusione della saga di Xehanort e volevamo davvero concentrarci sulla trama principale di Kingdom Hearts, come ad esempio Sora e Roxas. Stavano avendo tutte queste storie nei giochi precedenti e volevamo concludere.

Insomma, Leon, Yuffie, Cloud e gli altri avrebbero potuto meritare nuovo spazio dopo le vicende di Kingdom Hearts II, ma gli intrecci narrativi creati attorno a Sora e Roxas erano diventati troppo intricati e andavano affrontati. Yasue parla a nome di tutta Square Enix quando afferma che l’azienda è consapevole dei dubbi dei giocatori, pur rimanendo sorpreso dalla loro delusione per la mancanza di personaggi legati a Final Fantasy. Egli non ha infine dato nuovi dettagli circa l’arrivo della modalità Critico. Non ci resta che sperare in un futuro capitolo che possa includere coloro che nel più recente sono rimasti nell’ombra. Ricordiamo che Kingdom Hearts III è disponibile su PlayStation 4 e Xbox One.

1 COMMENTO

Comments are closed.