Attraverso le pagine dell’ultimo numero della rivista nipponica Famitsu, Atlus e SEGA hanno svelato nuovi dettagli su Persona 5 Royal. Questa versione estesa del JRPG uscirà sul suolo occidentale nel 2020 con grafica potenziata e supporto a PlayStation 4 Pro, una nuova sequenza introduttiva e un nuovo finale, oltre a delle nuove musiche.

Nello specifico, il direttore del gioco Daiki Ito, il produttore Kazuhisa Wada e il character designer Shigenori Soejima hanno fornito le seguenti informazioni:

  • Il termine “Royal” deriva dal desiderio di creare un titolo raffinato e stravagante;
  • Tra i confidenti, Kasumi aggiunge valore alla trama e maggiore profondità ai personaggi. È stata implementata per integrarsi in modo naturale nella storia. Sono inoltre stati confermati nuovi Confidants;
  • Sarà più facile guadagnare una buona quantità di punti esperienza in modo che il gioco possa essere giocato più velocemente;
  • Ci sarà un funzione chiamata Play Assist, un’evoluzione della meccanica Vox Populi di Persona 4 Golden;
  • Ci saranno circa 20 nuove canzoni rispetto alla versione base;
  • Con i dati di salvataggio di Persona 5 si otterrà qualche tipo di bonus. Non è però possibile trasferirli;
  • i giocatori potranno godersi liberamente le giornate, senza eventi sceneggiati. Saranno accessibili diversi posti, da Shibuya a Shinjuku e il nuovo Kichijoji. Anche l’altro mondo sarà accessibile in qualche maniera;
  • Il Kichijoji di Persona 5 Royal è stato ricreato fedelmente. Ci sono posti come negozi alla moda dove i giovani si riuniscono e bar in vecchio stile. Il gioco delle freccette è un vero mini-gioco;
  • La produttrice Kazuhisa Wada ha affermato di essere stata molto attenta all’inserimento di Kasumi nella storia. Mentre lei appare fin dall’inizio, ha fatto in modo di non alterare troppo la trama e inserirla in modo naturale.

Recentemente sono stati invece svelati nuovi dettagli sulla componente narrativa. La versione migliorata di Persona 5 arriverà in Giappone il 31 ottobre 2019, mentre sarà disponibile sul mercato europeo dal 2020.