King of Seas – Recensione

Sviluppatore: 3DClouds Publisher: Team17 Software Ltd. Piattaforma: PS4 Genere: Gioco di Ruolo Giocatori: 1 PEGI: 7 Prezzo: 24,99 €

Il team italiano di 3DClouds si lancia all’arrembaggio dei sette mari con il suo ultimo gioco King of Seas. Solcare oceani e combattere con la marina ufficiale per trovare incredibili tesori non sarà il nostro unico obiettivo, dovremo anche nobilitare il nostro nome caduto in disgrazia. Salpate l’ancora con noi e leggete la nostra recensione per sapere se sia meglio comprare questo gioco o una bottiglia di rum!

king of seas recensione

I pirati sono manigoldi corrotti o solo uomini che cercano la libertà?

King of Seas basa molto del suo appeal sul suo gameplay, ma è presente anche una storia di base che si lascia apprezzare. Non illudetevi certo di ritrovarvi in un libro di Salgari, ma la trama è comunque carina, anche se piuttosto lineare. Il giovane (o la giovane, a seconda delle nostre scelte iniziali) erede del re dei mari viene ingiustamente accusato di aver ucciso il proprio padre. Miracolosamente scampato alla pena capitale, il nostro bistrattato protagonista viene soccorso proprio dai nemici di famiglia: i temibili pirati assassini. Ma, come non tutti i dobloni che luccicano sono d’oro, anche gli spaventosi pirati si riveleranno non essere sanguinari e malvagi come lui credeva. E così, proprio la congrega dei pirati gli fornirà l’aiuto e il sostegno necessario per scovare il vero assassino di suo padre e riscattare il suo nome.

Per farlo dovremo svolgere degli incarichi sempre più complicati e difficili, grazie ai quali scopriremo gli intrighi che si tramano nel lussuoso palazzo reale. Tutte le storie verranno narrate in maniera statica, con dei fumetti dove i simpatici e grotteschi protagonisti, che sono ben disegnati e caratterizzati, si scambieranno battute e indicazioni sulle prossime mosse da compiere.

king of seas recensione

Che passione abbordare le navi!

Come dicevamo il lato forte di King of Seas è il gameplay, essendo facile, veloce e piuttosto intuitivo. Il gioco si svolge principalmente comandando una nave che vaga felice per i sette mari. Potremo scegliere tra tre velocità di navigazione e diverse tipologie di navi con caratteristiche peculiari. Sarà la nostra nave a condurci nei vari porti in cui potremo svolgere le missioni che ci verranno assegnate e, chiaramente, sarà fondamentale per i combattimenti marittimi. La parte più divertente del videogioco sarà proprio cercare di assaltare ignari mercanti o sfidare le navi della marina a duello.

A seconda della nave che staremo utilizzando potremo usare un numero diverso di cannoni con cui sparare le bordate contro il nemico e potremo anche scegliere tre tipi diversi di munizioni che andranno a distruggere le vele delle altri navi, il loro scafo o, come ultima opzione, potremo mirare direttamente all’equipaggio avversario. Vele ed equipaggio azzerati influiranno sulla velocità di navigazione e sulla capacità di difesa ma sarà la salute dello scafo che determinerà se affonderemo o resteremo a galla.

Durante i combattimenti potremo usare delle tecniche speciali che saranno fondamentali per volgere l’esito della battaglia in nostro favore. Queste tecniche si sbloccheranno durante il prosieguo della storia principale, dandoci un senso di crescita e arricchimento durante le varie fasi. Purtroppo anche i nemici avranno accesso a queste tecniche, quindi l’attenzione durante gli scontri non potrà mai calare e dovremo essere sempre pronti a rispondere adeguatamente.

Vuoi diventare ricco? I pirati sicuramente lo vogliono!

La gestione della nave e dei suoi componenti è fondamentale per essere all’altezza degli scontri che affronteremo. Le parti della nave personalizzabili sono molte e per ognuna saranno presenti numerose alternative. Vedere la propria nave diventar sempre più robusta e aggressiva è una delle cose più appaganti del gioco, ma per farlo dovremo investire parecchio oro per poter comprare le giuste migliorie. L’oro, delizia e cruccio di ogni pirata, sarà uno dei nostri pensieri fissi, oltre chiaramente a vendicare nostro padre eh… Mai che ce ne dimenticassimo…

Per guadagnare il prezioso metallo la via più facile sarà quella di affondare le navi nemiche e depredarle, ma anche il commercio con i numerosi porti presenti potrebbe essere una valida alternativa. A seconda del porto che visiteremo le merci in vendita avranno diverse valutazioni e comprarle dove costa poco e venderle dove valgono tanto sarà un buon modo per racimolare un bel gruzzoletto. Inoltre, alla taverna del porto troveremo sempre qualche strano personaggio pronto ad assumerci per dei compiti, di solito piuttosto loschi, che verranno adeguatamente ricompensati.

king of seas recensione

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Viaggiare per i sette mari sarà piacevole e rilassante, anche se dopo un po’ potrebbe sopraggiungere un po’ di noia. La grafica di King of Seas non è super dettagliata ma con dei particolari graziosi sparsi qui e là, come delle torrette o dei ponti in pietra. Tutto riisulta gradevole e piacevole alla vista, i colori sono azzeccati e utilizzano la giusta intensità e saturazione. Il lato musicale non brilla certo per originalità, ma i suoni pirateschi e gli effetti sonori dei combattimenti aiutano a immergersi nell’atmosfera avventurosa del gioco.

Trofeisticamente parlando: il mare è sconfinato…

I trofei di King of Seas non sono particolarmente numerosi, infatti sono trenta compreso il trofeo di Platino, ma non saranno facilissimi da raggiungere. O meglio, la difficoltà per conquistarli non è particolarmente elevata, solo che la faccenda sarà piuttosto lunga. Infatti anche se il gioco base dura una decina d’ore, dovremo ripeterlo più volte per sbloccare i diversi livelli di difficoltà così da raggiungere i trofei collegati. Anche l’obiettivo di completare tutta la mappa sarà abbastanza laborioso e dovremo visitare molti osservatori per comprare le varie parti necessarie.

VERDETTO

King of Seas è un videogioco sui pirati in single player in cui dovremo combattere con le altre fazioni in divertenti scontri navali. Trovare tesori e accumulare ricchezze saranno un modo per scoprire l'assassino di nostro padre. Questo è un gioco divertente che può essere apprezzato al meglio in brevi sessioni, come filler tra altri giochi più impegnativi.

Guida ai Voti

Daniele Citerio
Lo zio "citte", avete presente quello zio strano che fa cose strane in posti strani? Arrampica pareti di roccia su alte montagne, scala le cascate di ghiaccio, fa yoga in mezzo alla spiaggia e poi, ve lo trovate in salotto attaccato alla play a giocare senza manco considerarvi? Ecco, sono io!