Home ConsoleNews PS4Superlega: cosa succederà su eFootball PES e FIFA?

Superlega: cosa succederà su eFootball PES e FIFA?

La parola che da ieri è sulla bocca di tutti è “Superlega”, ossia la nuova competizione creata da dodici squadre secessioniste che hanno deciso di sfidare apertamente UEFA e FIFA e che rischiano ora di essere escluse sia dai campionati nazionali che dai tornei europei come Champions League ed Europa League.

Arsenal, Manchester United, Manchester City, Chelsea, Tottenham, Liverpool, Atletico Madrid, Barcellona, Real Madrid, Juventus, Inter e Milan sono pronte a dare battaglia, ma quello che si chiedono i videogiocatori è cosa succederà nei due simulatori calcistici più famosi del mondo, ossia eFootball PES e FIFA. La soluzione più dura e più scontata sembra essere quella già ventilata dalle organizzazioni calcistiche, ossia l’esclusione delle dodici partecipanti alla Superlega dai due videogiochi, privando quindi entrambi i titoli di una quantità incredibile di campioni. Questa decisione potrebbe essere presa per non sfidare apertamente UEFA e FIFA, finendo così per perdere tutti i diritti fin qui conquistati dai rivali.

Un’altra possibilità potrebbe essere invece l’acquisizione da parte di una delle due compagini proprio dei diritti ufficiali della Superlega, garantendosi così l’esclusiva delle prestigiose squadre, così come la realizzazione di un videogioco alternativo riservato alla Superlega che, per quanto povero di contenuti, potrebbe attirare un gran numero di tifosi orfani della loro squadra del cuore.

Articoli correlati

Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.