Sviluppatore: Marvelous Publisher: Marvelous Europe Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: Musou Giocatori: 1 (Online: 2-8) PEGI: 12 Prezzo: 49,99 €

Tenere il passo con l’opera originariamente concepita da Kinoko Nasu e illustrata da Takashi Takeuchi non è certo cosa semplice. La serie anime Fate/Stay Night ha visto infatti nel corso degli anni una serie di spin-off e di adattamenti di quella che era l’originale trama proposta, andando così ad ampliare forse in maniera eccessiva le sotto-trame e i personaggi in gioco. Nonostante questo, però, negli oltre quindici anni dalla sua prima pubblicazione, i punti cardine non sono mai cambiati. Ecco quindi che, anche in questa nuova incarnazione, ci troveremo ad affrontare le dinamiche della Guerra del Santo Graal, andando a impersonare il Master di turno e prendendo le redini del nostro servant.

Dal punto di vista della continuità, questo Fate/EXTELLA Link si colloca immediatamente dopo i fatti avvenuti in The Umbral Star. Torneremo quindi a darci battaglia nel regno virtuale di SE.RA.PH, cercando in tutti i modi di far fronte a una incombente, oscura minaccia. L’ottima curva d’apprendimento rende questo nuovo capitolo un ottimo entry level per chiunque voglia avvicinarsi al genere musou, grazie alle meccaniche semplici e agli ottimi tutorial. La corte del Moon Cell vi aspetta!

Fate/Extella Link Recensione

Back to SE.RA.PH

Come abbiamo ampiamente anticipato, Fate/EXTELLA Link colloca le proprie vicende immediatamente dopo la conclusione del precedente capitolo. Fortunatamente, ogni richiamo a The Umbral Star sarà collegato esclusivamente alle vicende della giovane Altera, permettendo così a tutti di comprendere quasi per intero la narrativa proposta. A differenza del capitolo di debutto, questa volta non ci troveremo a far fronte al classico Master malvagio, ma dovremmo sgominare la minaccia di Carlo il Grande, un servant ambizioso che vuole convogliare su di sé il potere di tutti gli altri. Da queste premesse si inizieranno quindi a sviluppare tre archi narrativi, due canonici e uno segreto, che porteranno alla conclusione della vicenda in maniera diversa e a volte inaspettata.

Il comparto narrativo, dopo gli sbagli fatti con il precedente capitolo, fa un passo indietro e torna a strutturare la narrativa in maniera molto discorsiva, avvicinando il tutto a una vera e propria visual novel. Nel corso delle vicende potranno essere prese scelte che andranno a influenzare la selezione del successivo evento, lasciando però la libertà al giocatore di rigiocare gli stage lasciati indietro.

Fate/Extella Link Recensione

Un po’ deludente risulta il ruolo e la caratterizzazione del Master che, al di là di una semplice selezione di genere e nome, si limiterà a farci compagnia solamente durante le fasi di preparazione allo scontro e durante qualche cutscene. Per fortuna il suo immenso potere fornirà diverse possibilità sul campo di battaglia permettendo, in maniera molto simile all’anime, di fornire tre particolari ordini, ognuno dei quali con la sua specifica utilità.

La storia principale si svilupperà in circa trenta stage completabili nelle tre diverse difficoltà (oltre a quella massima, sbloccabile una volta completata la trama principale). Al completamento di ogni capitolo accoglieremo nella nostra squadra un nuovo servant utilizzabile tra i ventisei disponibili. Aumentando l’affinità con ognuno di essi si sbloccheranno opzioni di dialogo che regaleranno diverse situazioni conviviali e faranno emergere l’ottima caratterizzazione dei combattenti. Il lavoro fatto sui nostri servitori dai ragazzi di Marvelous si attesta su ottimi livelli, stimolando il giocatore a interagire con tutti per scoprire il loro personale carattere.

1
2
3
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
Articolo precedenteMotori e cuori a mille nel trailer di lancio di GRID
Prossimo articoloTakoway, il puzzle game ora disponibile per dispositivi mobile
Avatar
Ivan, tra studio e basket, riesce a ritagliarsi il suo angolo della giornata per immergersi nel magico mondo dei videogiochi. Gioca un po' di tutto ma i generi preferiti sono: gli shooter (TPS e FPS) e gli action (in particolar modo quelli con una forte componente stealth). Se gli date un controller... sogna!