Handheld & SmartphoneNews PS VitaPlayStation Vita, ecco il perché della memory card proprietaria

PlayStation Vita, ecco il perché della memory card proprietaria

Una delle tante stranezze di PlayStation Vita è stata la scelta di adottare un formato di memory card proprietaria rispetto alle diffusissime MicroSD, montate dalla maggior parte dei dispositivi elettronici in circolazione. La decisione di creare un formato unico, con costi che potevano arrivare anche un centinaio di euro, ha però un senso, come svelato recentemente su Reddit da un ex impiegato di Sony.

Stando alle informazioni che la fonte ha svelato, la memory card è stata creata come deterrente per gli hacker, anche se questa scelta sfortunatamente non è riuscita a fermare del tutto i pirati da console che sono riusciti comunque a fare breccia nel sistema di PlayStation Vita. Voi avete avuto problemi a recuperare una scheda di memoria per l’ormai defunta console di Sony?

Articoli correlati

Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.