Sviluppatore: Fairy Forest Publisher: Sometimes You Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: Punta e Clicca Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 5,99 €

The Tower of Beatrice è un videogioco sviluppato e pubblicato da Fairy Forest e Sometimes You; appartiene a un genere che è ormai considerabile “di nicchia” nel mondo del gaming, quello dei punta e clicca. Dunque aspettatevi schermate fisse con enigmi da risolvere, umorismo e, perché no, anche qualche boss finale da abbattere.

The Tower of Beatrice

Una torre magica… e poco altro

La storia di The Tower of Beatrice non sprizza certo fantasia da tutti i pori. Si basa su fatti canonici del genere. Impersoneremo un ladro che viene contattato da uno sconosciuto tramite una lettera; il nostro compito sarà quello di addentrarci nella torre della strega Beatrice, scomparsa ormai da molti anni, e rubare sia il suo libro degli incantesimi che il suo calderone per le pozioni. Una volta dentro verremo catturati dalla stessa strega che non è mai scomparsa, ma è finita semplicemente prigioniera del suo stesso libro, dal quale ci parlerà.

Da questo momento, dal piano più alto della torre di Beatrice, inizia la nostra fuga attraverso le varie stanze; avremo a che fare con demoni, bauli incantati e strane creature di tutti i tipi. Quando infine riusciremo ad aprire la porta principale, l’unica via di fuga dalla torre infestata, si para di fronte a noi un mago che si scopre essere colui che ci ha ingaggiato. Egli ci ha ingannato fin dal principio e, non volendo onorare la propria parte dell’accordo, tenta la fuga; è a questo punto che dovremo affrontarlo, sempre in pieno stile punta e clicca, e sconfiggerlo per poter finalmente uscire dalla torre come apprendisti della strega Beatrice.

The Tower of Beatrice

Come premesso, la storia di The Tower of Beatrice sa di già visto e non riesce a catturare l’attenzione del videogiocatore; difetto abbastanza grave visto il genere a cui appartiene. Tuttavia rimane godibile, risultando sì poco attraente, ma mai noiosa; inoltre costituisce un buon entry level per coloro i quali non sono avvezzi ai punta e clicca e vogliono cimentarsi per la prima volta.

Punta, clicca e… beh, c’è un motivo se il genere si chiama così!

Il gameplay del gioco si svolge in pieno stile punta e clicca: ogni livello costituiste una stanza, per un totale di sette e, dunque, sette livelli. Non c’è una vera e propria caratterizzazione. Cioè: nella seconda stanza, quella dell’orologio, gli enigmi sono piuttosto dissonanti, hanno poco a che fare con il tema del tempo; così è per quasi tutte le stanze, tranne alcune. Menzione obbligatoria per quella delle torture, che si dimostra la più divertente e logica da giocare. In ogni stanza dovremo dunque risolvere degli enigmi che implicheranno la raccolta e l’interazione di vari oggetti. Tutto quello che dovremo fare sarà puntare un oggetto, premere il tasto X per selezionarlo e usarlo assieme ad altri.

The Tower of Beatrice

Unico elemento degno di nota del fin troppo classico gameplay di The Tower of Beatrice è il mixaggio degli oggetti. Questa è una componente tipica dei punta e clicca, ma qua viene adattata alla storia, rendendo necessario inserire gli oggetti nel calderone delle pozioni, sempre a portata di mano, per creare, appunto, pozioni che saranno spesso il metodo risolutivo per uscire dalla stanza e completare il livello.

Arriviamo infine ai due difetti che abbiamo il dovere di sottolineare: il primo difetto riguarda la totale assenza di qualsivoglia tutorial. Il gioco catapulta il giocatore immediatamente nell’azione senza spiegare nulla, elemento questo che rende l’incipit piuttosto rigido e legnoso. Il secondo difetto, meno problematico, ma comunque abbastanza fastidioso, è l’assenza della lingua italiana. Tutti i dialoghi e, più in generale, le linee di testo del gioco sono in inglese, rendendo la fruizione più complicata.

The Tower of Beatrice
1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteDescenders introvabile sul PlayStation Store, proteste sui social
Prossimo articoloPlayStation Store, torna la promozione delle Gemme Nascoste
Valerio Domenici
Instancabile videogiocatore sin dalla più tenera età, non ha mai smesso di coltivare la propria passione. Detesta i giochi sportivi e si narra che stia ancora cercando l'ultimo collezionabile in Hyper Light Drifter...