Attenzione, queste poche righe di introduzione serviranno a mettervi in guardia da eventuali spoiler riguardanti il primo capitolo. Se non avete giocato e completato The Last Of Us, continuate la lettura a vostro rischio e pericolo.

Fin da quando The Last Of Us Parte 2 venne annunciato, i fan del titolo sono sempre stati abbastanza fantasiosi, non solo per quanto riguarda alcune teorie ma, soprattutto, per quanto riguarda ciò che fu detto direttamente da Neil Druckmann, e cioè che la storia dietro The Last Of Us Parte 2 sarebbe stata una storia incentrata sull’odio.

Da qui i fan si sono scatenati, odio verso chi e perché? Odio verso Joel che non ha detto fin da subito la verità alla giovane Ellie? Odio verso le Luci che non hanno mai avuto una reale cura tra le mani e tentavano solo di usare Ellie come cavia? Oppure un nuovo tipo di odio verso qualcuno che ancora non conosciamo? A quanto pare le teorie dei fan puntano tutto su quest’ultima possibilità, creando così nuovi nemici o fazioni da affrontare, questa volta, però, non in favore della speranza ma, appunto, dell’odio.

Andiamo quindi a vedere quali teorie bazzicano per la mente degli utenti e delle varie community, alcune davvero interessanti, altre forse un po’ troppo azzardate per essere realmente possibili in un mondo collassato come quello di The Last Of Us.

La morte di Joel

La prima teoria, fra le più accreditate all’interno delle community, è sicuramente la morte di Joel. Abbiamo visto tutti il trailer di annuncio; Ellie suonava la chitarra e un uomo, dalle fattezze del nostro protagonista, le si avvicina. In cosa consistono però le teorie sulla morte di Joel? Si basano essenzialmente su due punti: nessuno ha visto in faccia quell’uomo ed Ellie è preda delle allucinazioni.

Per quanto riguarda il primo punto, si pensa che quell’uomo possa semplicemente essere un nuovo compagno di avventure per Ellie, ma chiaramente non è completamente da escludere la presenza del vecchio Joel.

La teoria sulla allucinazioni, invece, parrebbe essere abbastanza plausibile e interessante; l’uomo era come un padre per la ragazza e, alla fine del titolo, tutto ciò che le rimaneva in quel mondo desolato. Qualcuno potrebbe averlo ucciso e la giovane ragazza è ossessionata nel trovare ogni singolo membro del gruppo (“I’m gonna find and I’m gonna kill, every last one of them”) per saziare la sua sete di odio e vendetta. Se fate inoltre attenzione al video di presentazione, se fosse realmente Joel quell’uomo, non sembra invecchiato di una virgola, mentre Ellie è molto più grande rispetto a come l’abbiamo lasciata alla fine del primo capitolo (questa volta dovrebbe avere 19 anni); inoltre i vestiti di Joel sono puliti e non sporchi o insanguinati, mentre Ellie è molto più provata (anche avendo appena compiuto un massacro).

Altra piccola teoria è quella riguardante il suicidio di Joel. A far scaturire quest’ultima ipotesi è la pistola vista nel trailer, anche questa sempre nuova. Secondo alcuni è la stessa usata da Joel per togliersi la vita e per la mente di Ellie rimarrà sempre pulita e in buone condizioni.

2 COMMENTI