Sviluppatore: Clap Hanz Publisher: Sony Interactive Entertainment Piattaforma: PS4 Genere: Sport Giocatori: 1-4 (Online: 2-20) PEGI: 3 Prezzo: 39,99 €

“Il gioco del golf non richiede solo precisione, è precisione. Come in un complicato mosaico ogni regola può implicarne molte altre”.
Le Regole del Golf 2008 – 2011, pagina 13

Il golf è davvero uno sport per ricchi? Sony e Clap Hanz non la pensano in questo modo. Nonostante l’universo dei videogiochi sportivi sia andato con il tempo sempre più ad avvicinarsi alla realtà, a Everybody’s Golf non interessa mostrare il lato realistico delle cose, e lo dimostra offrendo una propria versione tanto ironica quanto assurda dello sport che porta nel nome. Dopo gli svariati rinvii il gioco è infine giunto tra le nostre mani, ed ecco cosa ne pensiamo.

Eagle Shot!

Ed eccolo qui, Everybody’s Golf, un brand ideato da Sony Interactive Entertainment che va avanti sin dal 1997, con un primo capitolo nelle mani della software house Camelot Software Planning e poi ceduto dal 1999 fino a oggi a Clap Hanz. Sono trascorsi sei anni dall’uscita dell’ultima iterazione canonica, tuttavia lo spirito di Everybody’s Golf con questo settimo capitolo resta invariato, presentando un ambiente realistico accompagnato dall’immancabile ironia verso il golf che caratterizza la serie. Il nuovo titolo di Clap Hanz non ha premesse, e la mirata semplicità del gioco rende il golf totalmente accessibile a chiunque, anche a chi non conosce le regole.

Appena cominciata la partita veniamo catapultati in una bizzarra isola chiamata, per l’appunto, l’Isola del golf. Qui faremo la conoscenza di Suzuki, il fondatore del villaggio dell’isola, e di Hikari, sua collega. I due ci introdurranno al mondo di Everybody’s Golf, accennando brevemente le meccaniche base del gioco, ossia come funzionano il tiro e il level up delle statistiche. Dopo questa spiegazione, verremo introdotti alla schermata di creazione dell’avatar, che è probabilmente la parte più ricca del gioco. Moltissimi asset diversi saranno a nostra completa disposizione, tra cui tagli di capelli, magliette, giacche, pantaloni, scarpe, guanti e addirittura extension e accessori. In campo di personalizzazione, Everybody’s Golf fa le scarpe a moltissimi titoli.

Già da prima di cominciare a colpire le palle con una mazza ci sarà concesso di girovagare per l’hub di gioco, che risulta abbastanza striminzito. L’area centrale ci fornirà accesso all’area di registrazione ai tornei e all’allenamento, per non parlare dei molteplici NPC con cui ci ritroveremo a chiacchierare. Molti personaggi ci forniranno informazioni utili su quel che è il golf e sulle meccaniche di gioco in generale, mentre uno di questi, il professor Koenji, ci proporrà quiz sullo sport e ci darà singolari ricompense se risponderemo correttamente a tutte le sue domande.

Tee shot

Andiamo con ordine, però. Per chi non lo sapesse, il golf consiste essenzialmente nel mandare una pallina in buca con il minor numero di colpi possibili. All’inizio di ogni buca la palla va colpita su un’area di partenza prestabilita, detta teeing ground. A ogni buca è assegnato un numero di colpi previsto chiamato par, e il suo valore verrà stabilito in base alla lunghezza del campo in cui si gioca. Esistono i par dal 3 al 6, e sarà possibile ottenere un punteggio positivo solo in caso si dovesse imbucare la palla in un numero inferiore di colpi.

In Everybody’s Golf ogni tiro consiste nella pressione tempestiva del tasto X per tre volte di fila. A guidarci ci sarà la barra del tiro situata verso il basso, con le determinate stanghette e indicatori che fanno comprendere in maniera molto semplice quanto forte sarà il nostro tiro. Alla prima pressione del tasto X cominceremo a far muovere l’indicatore del tiro verso sinistra, ossia verso il 100% della forza del tiro, e spetterà a noi fermarla al punto giusto con una seconda pressione del tasto X. A questo punto, con la terza pressione, bisognerà centrare il punto dal quale il tiro è cominciato per garantirgli massima precisione.

Bisognerà tuttavia prestare attenzione alle zone nere, rosse e rosa della barra, in quanto se colpite al posto del punto centrale sbilanceranno i nostri tiri. Quando viene effettuato un colpo nella zona nera su entrambi i lati dell’area d’impatto comparirà un teschio, e ciò ci farà mancare completamente il tiro oppure spedire la pallina verso il cielo. Se il momento dell’impatto avviene troppo presto nella zona rossa comparirà un coniglio, mentre se effettuato troppo tardi apparirà una tartaruga. Se dovessero comparire questi due animali arrabbiati in un balloon, vorrà dire che la traiettoria sarà fortemente incurvata. Prima di cominciare a tirare sarà possibile spostare la traiettoria della pallina a destra e sinistra grazie ai tasti direzionali, utile per calibrare bene la direzione del tiro che verrà eventualmente condizionata dal vento, visibile sotto forma di freccia blu nell’angolo alto destro dello schermo.

1
2
3
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteRock of Ages II: Bigger & Boulder, disponibile la guida ai trofei
Prossimo articoloTom Clancy’s Ghost Recon Wildlands: modalità PvP presto disponibile
Andrea vive in una casupola malandata situata sotto un ponte, dentro un cartone in una cittadina di gangster, e sin dalla sua nascita ha sempre avuto un sogno e una passione, entrambi fortunatamente realizzati: mangiare videogiochi e recensire mozzarelle.