Sviluppatore: IFun4all Publisher: Curve Digital Piattaforma: PS4 Genere: Azione Giocatori: 1 PEGI: 16 Prezzo: 14,99 €

Sono molte le software house che di questi tempi si affacciano sul mercato videoludico per cercare di portare un buon prodotto nelle mani dei sempre più affamati videogiocatori.

Questa volta tocca all’azienda polacca IFun4All, studio di sviluppo che avevamo già incontrato sul nostro percorso grazie a Green Game: TimeSwapper, titolo che non ci aveva del tutto convinto. Il team, composto da una dozzina di dipendenti, è nato nel 2009 focalizzandosi perlopiù su titoli per dispositivi mobili. Oggi, però, gli sviluppatori hanno deciso di lanciare un nuovo prodotto sul mercato console, e il loro nuovo titolo si chiama Serial Cleaner. Lo abbiamo analizzato per portavi le nostre considerazioni.

Pulitore seriale

Serial Cleaner segue le vicende di Bob, un “addetto alle pulizie” professionista al servizio della mafia. Egli ripulisce e rimette a nuovo i vari luoghi dove si sono susseguite sparatorie criminali, cercando di fare il proprio lavoro nella maniera più discreta possibile e non facendosi scoprire dalle forze dell’ordine. La storia molto semplice e banale si struttura in vari contratti (più di venti) che il nostro protagonista dovrà portare a termine. Nel gioco non sono presenti filmati e cutscene, quindi l’intera trama è un susseguirsi di dialoghi raccontati tramite vignette che, purtroppo, sono così piccole da far perdere qualche diottria anche a chi porta già un paio di occhiali. Dovremo quindi avvicinarci fisicamente, e non poco, al televisore per cercare di tradurle.

Nascondi il corpo!

Il titolo di IFun4All è un action/stealth in 2D che riprende la cultura anni Settanta, dove i baffoni e i Ray-Ban da aviatore alla Miami Vice regnavano incontrastati. Per definire sé stessi, gli sviluppatori hanno chiesto ai videogiocatori di immaginarsi Serial Cleaner come se Mr. Wolf di Pulp Fiction incontrasse Hotline Miami. L’ambientazione è l’aspetto più caratteristico del gioco, che lo rende accattivante e dà quello stile retrò alla produzione. Passando ad analizzare il gameplay: il gioco ha uno stile molto minimale e semplicistico. Un breve tutorial inizialmente ci illustrerà i pochi comandi a nostra disposizione; dalle varie levette per spostarsi nello scenario ai i consueti tasti azione, che non saranno più di tre.

Una volta iniziato un contratto, il classico mafioso di turno ci chiamerà al telefono dicendoci che dovremo andare sulla scena di una sparatoria per ripulire il casino da lui combinato. Una volta arrivati sul posto, quello che ci troveremo davanti sarà una mappa ricca di particolari come nascondigli, insenature, guardie e tracce di sangue.

I livelli si dividono in tre fasi principali: recuperare le prove, mettere al sicuro i corpi e ripulire le tracce di sangue. Una volta compiuti questi tre passaggi potremo tornare alla nostra macchina (su cui caricheremo gli oggetti presi) e abbandonare il luogo. Il nostro compito quindi, sarà quello di ripulire l’intero scenario da qualsiasi prova di colluttazione, sparatoria o di altro atto criminale. Per farlo avremo a disposizione un aspirapolvere portatile che laverà via il sangue dal pavimento.

Durante la nostra “missione di pulizia” alternativa, avremo anche a che fare con speciali livelli bonus dedicati a veri e propri cult cinematografici come Star Wars, Taxy Driver e Alien, con conseguente cambio di contesto e stile.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteLost Sphear: annunciata la data d’uscita occidentale
Prossimo articoloL’aggiornamento del PlayStation Store del 25 luglio: tutti i nuovi giochi e DLC
Simone Giunta
Per gli amici "ZioSimo". Adora informarsi su tutto il mondo dell'informatica e dei videogiochi, ma apprezza anche serie tv, film e anime (a patto che meritino). Predilige il genere di videogames dove c'è un minimo di logica e, per concludere, spera di diventare un avvocato dato che si sta laureando in giurisprudenza (a tempo perso).