Sviluppatore: Flying Wild Hog Publisher: Devolver Digital Piattaforma: PS4 Genere: FPS Giocatori: 1 (Online: 2-4) PEGI: 18 Prezzo: 39,99 €

Il genere degli sparatutto in prima persona continua a camminare a testa alta, e Flying Wild Hog ce lo dimostra con Shadow Warrior 2, aggiungendo ancora più sangue e arti volanti alla miscela!

Lo Wang, il ninja dei giorni nostri, è tornato ed è più assetato di sangue di prima! Saliamo nella nostra cara auto, armiamoci fino ai denti e facciamo quello che sappiamo fare meglio: uccidere! Ma prima, per chi non lo sapesse: Shadow Warrior 2 è il seguito del capitolo del 2013, che è a sua volta una conversione in 3D del titolo del 1997.

Wang is back!

Sono trascorsi cinque anni dagli eventi del primo capitolo della saga, dove il ninja Lo Wang è riuscito a sventare il piano malvagio di conquista del Giappone del suo vecchio capo.

L’annientamento dell’oscurità ha dato vita a una strana convivenza tra uomini e demoni tutt’altro che pacifica. Lo Wang è ora un mercenario che si guadagna da vivere svolgendo qualche lavoretto per conto dei clan locali della Yakuza. Tuttavia, qualcosa all’improvviso va storto e il guerriero si ritrova nel bel mezzo di un conflitto tra uno scienziato e il leader di una setta, e a causa di ciò sarà costretto a condividere la sua mente con Kamiko, figlia di un boss della Yakuza posseduta da un demone. E i due non andranno proprio d’amore e d’accordo.

Prepariamoci a sfoderare la nostra fidata spada, a ricaricare le nostre pistole e fucili, a tagliuzzare con la nostra motosega e a dilettarci con gli elementi magici per farci strada in questo scenario non adatto ai minori sterminando le legioni di demoni che occupano il mondo. Una sorta di DOOM con le spade e la magia!

Dove siamo, in un film di Tarantino?

Shadow Warrior 2 consiste essenzialmente nel fare a botte con i nemici nella maniera più tamarra possibile. Anche per chi non ha giocato al primo capitolo, fin da subito ci si innamora del personaggio che stiamo usando. Lo Wang è uno pseudo-ninja che si serve di una spada, come i classici ninja, e di un incredibile arsenale, che sia comune o futuristico. Le nostre azioni degne di uno splatter saranno accompagnate dalla personalità accattivante, sarcastica e anti-eroica del protagonista, che faranno sorridere in ogni occasione. Preparatevi anche a scovare centinaia di easter egg, segreti, riferimenti e citazioni ad altre opere!

Le meccaniche e i comandi sono semplici: vagheremo per le mappe di gioco in cerca di nemici da affettare e sterminare per guadagnare punti Karma (i corrispettivi dei punti esperienza) per potenziare le nostre abilità. Completeremo le missioni indicate e raccoglieremo oggetti aiutandoci con l’utilissima mappa – dove ci verranno indicati tutti i punti d’interesse – pur prestando sempre attenzione alla barra della salute e a quella del Chi in basso a sinistra. I movimenti del personaggio consistono nel saltare, attaccare e scattare, senza contare le abilità speciali attivabili con i tasti indicati.

Utilizzando il nostro Chi (che si ricaricherà in automatico col tempo) potremo curarci, colpire i nemici con onde d’urto o addirittura diventare temporaneamente invisibili. Curioso e vario è il sistema degli attacchi, almeno con le armi da taglio: affetteremo i nostri avversari esattamente dove vorremo, effettuando attacchi diversi in base alla direzione da noi scelta. Lo Wang è anche in grado di caricare i suoi colpi: puntando in avanti e tenendo premuto il tasto L2 infatti eseguiremo la tecnica Stinger (pungiglione), mentre muovendoci lateralmente e premendo L2 eseguiremo l’attacco Vortex, con cui colpiremo tutti i nemici vicini. Utile! Peccato però per la sensibilità del pad, che farà risultare i combattimenti ben più confusionari di come sembrano con mouse e tastiera.

Molto soddisfacente è il sistema dei danni, che consentirà di tagliare e mutilare i nostri nemici dove li colpiremo e lasciare a terra le loro parti del corpo. Il gioco ci propone oltre 70 armi diverse, tutte personalizzabili a piacimento con le gemme, degli oggetti particolari lasciati dai nemici o dai forzieri sparsi per il mondo che aggiungono determinati attributi al nostro equipaggiamento, come l’aggiunta di danni elementali o aumento della capienza dei caricatori.

In giro per la mappa, inoltre, ci sono svariate statue. Queste statue possono fornirci un checkpoint, riempirci la barra della salute o ancora quella del Chi. Inoltre è possibile scovare gli oggetti collezionabili, come i Biscotti della Fortuna, le Pergamene e i Diari, senza dimenticarci della valuta di gioco: gli Zillyen, che torneranno utili per acquistare nuove armi o gemme.

Ogni nemico eliminato ci ricompenserà con i già accennati punti Karma. Accumulandone il più possibile si potrà avanzare di livello e ottenere così dei punti abilità da spendere per potenziare determinate skill. I poteri si suddividono in quattro categorie: Life, dove potremo aumentare la nostra barra della salute o la difesa; Warrior, per dare più potenza ai nostri attacchi; Powers, per aumentare la barra del Chi e aumentare le statistiche delle abilità che lo richiedono; Resource, utile per aumentare la percentuale di loot, per ottenere più denaro o oggetti dai nemici caduti.