Sviluppatore: Daedalic Entertainment Publisher: Kalypso Media Piattaforma: PS4 Genere: Strategico Giocatori: 1 PEGI: 16 Prezzo: 39,99 €

A meno di un anno dalla pubblicazione dello strategico di ruolo Blackguards basato sulla licenza ufficiale del famoso The Dark Eye, i loro sviluppatori (cresciuti molto, dopo il successo maturato nel campo delle avventure grafiche con titoli come Deponia) decidono di tornare alla riscossa con un seguito ambientato a pochi anni di distanza dal primo capitolo, nel tentativo di battere il ferro finché è caldo, visto il più che discreto successo riscontrato in precedenza. Arrivato in ritardo di un paio di anni anche su PlayStation 4, siamo ora finalmente pronti a dedicare una nostra recensione a Blackguards 2.

Chi sono? E come ci sono finito qui?

Proprio come nell’originale Blackguards, anche in questo sequel ci troveremo ben presto reclusi in una prigione dalla quale dovremo cercare di fuggire. La prima grossa differenza sta nel fatto che stavolta non ci sarà concesso creare il nostro personale eroe dal momento che vestiremo i panni di Cassia, una donna tradita e poi fatta rinchiudere in segrete abitate da tremendi esseri e ragni il cui veleno si dice porti alla follia o, forse nel migliore dei casi, alla morte. Questa prima sezione che passeremo imprigionati avrà prevalentemente una funzione di tutorial, permettendoci di prendere dimestichezza con le meccaniche del gioco attraverso una breve serie di mappe piuttosto basilari.

A scandire il tempo tra una battaglia e l’altra, tornano quelle schermate fisse nelle quali potremo scegliere fra varie azioni, come ad esempio la gestione del nostro party, il suo sviluppo o il parlare con i vari personaggi non giocanti ed è qui, sui dialoghi di gioco, che troviamo opportuno soffermarci un istante. Esattamente come ci si potrebbe aspettare da un team di sviluppo che ha raggiunto la luce dei riflettori attraverso la creazione di avventure grafiche fortemente narrative, Blackguards 2 rivela una particolare cura proprio sotto questo aspetto. All’interno del titolo avremo dialoghi ben scritti e possibilità di scelta tra le classiche risposte multiple alle quali occorrerà però prestare parecchia attenzione, dal momento che potranno avere un grosso impatto sullo svolgersi della trama, sullo sviluppo caratteriale dei personaggi e, ultimo ma non certo per importanza, sul gameplay vero e proprio.

Una volta riusciti a evadere dopo diversi anni di detenzione, ci troveremo a controllare una Cassia ben diversa dalla donna intimorita delle primissime fasi di gioco. Qui, avrà inizio la sua folle crociata di vendetta che la porterà a conoscere e unirsi a diversi volti noti del capitolo precedente, con lo scopo di conquistare il potere e regnare su ogni cosa. Il motivo? Nessuno in particolare. Se questa, più che una scelta narrativa, potrebbe sembrare un vero e proprio buco di trama, in Blackguards 2 non è così e si rivelerà anzi essere una decisione piuttosto azzeccata. Una delle cose più affascinanti sarà infatti il poter definire tramite i dialoghi quelle che risulteranno essere le motivazioni dei protagonisti, trovandoci così a determinare in prima persona la loro caratterizzazione finale. Sebbene certi dettagli denotino l’interesse da parte degli sviluppatori nel mantenere alto il vessillo del classico gioco di ruolo, sarà impossibile non notare all’interno del titolo (specie per i più esperti e per coloro che avranno apprezzato il primo Blackguards) una marcia indietro piuttosto decisa su diversi aspetti tipici di quel genere. Se avrete intenzione di avvicinarvi a questo videogioco perché rapiti dalle complesse opzioni di sviluppo dei personaggi e scelte strategiche che la facevano da padrone nel capitolo precedente, fareste meglio a mettervi l’anima in pace fin da subito. In Blackguards 2 tutto è alla portata di tutti e nonostante questo non sia assolutamente un difetto a priori, uno dei risultati derivati da questa semplificazione nelle meccaniche del gioco non può che portare a una minore profondità in alcuni dei suoi aspetti principali che approfondiremo nel prossimo paragrafo.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6/10
Articolo precedenteParte oggi il week-end gratuito di The Division 2. Ecco tutte le novità dall’E3 2019
Prossimo articoloL’aggiornamento del PlayStation Store del 10 giugno: tutti i nuovi giochi e DLC
Avatar
Classe 1993, dimostra fin dalle sue prime esperienze a riguardo, un interesse passionale per i videogiochi. Non può fare a meno di vederli come una possibile espressione artistica che si risolve in un'esperienza interattiva. Potenziale stupendo, se si apprezza l'arte in ogni sua forma. Genere preferito: GDR! L'immedesimazione, dove possibile, è sempre oro, per lui.