Detention – Recensione

Sviluppatore: Red Candle Games Publisher: Coconut Island Games Piattaforma: PS4 (disponibile anche per Mobile) Genere: Horror Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 10,99 €

Detention è un survival horror ambientato nella Taiwan degli anni Sessanta con grafica a scorrimento laterale in 2D, sviluppato dallo studio Red Candle Games. Il titolo racconta la storia di due studenti taiwanesi, Kay e Wei, che a causa di un anomalo e improvviso temporale rimarranno intrappolati all’interno della loro scuola, che scopriremo ben presto essere avvolta da strani misteri e mostri sconosciuti. Lo scopo di Detention sarà quello di aiutare i due giovani scolari a fuggire da questo incubo e risolvere tutti gli enigmi che si presenteranno loro durante il loro viaggio.

Detention

A passeggio tra i fantasmi tratti dalle leggende taiwanesi

Inizieremo Detention impersonando uno studente di nome Wei che, dopo essersi addormentato in classe, si sveglierà da solo in una scuola buia e piuttosto inquietante. Subito dopo averla esplorata per un po’, incontreremo una ragazza addormentata sul palco del teatro della scuola. Svegliando la ragazza inizieranno ad accadere un sacco di cose strane e le creature chiamate Lingered incominceranno ad apparire per tutti i percorsi della campagna principale. Scopriremo poco dopo che sono studenti e insegnanti non-morti. I mostri non si presenteranno come un grande problema, poiché avranno movimenti lenti che potremo facilmente evitare trattenendo il respiro per non fare nessun tipo di rumore quando passeremo vicino o nei pressi di un fantasma.

Detention è composto da meccaniche punta e clicca e di risoluzione di enigmi che dovremo risolvere per progredire nella storia e per sbloccare alcune aule o stanze della scuola. I comandi si presentano molto diversi da alcuni videogiochi dello stesso genere perché il nostro personaggio si muoverà solo a destra o a sinistra. Una variante è costituita dal fatto che raccoglieremo, in qualche occasione, i pochi oggetti che possono essere inseriti nel nostro inventario per essere utilizzati in un secondo momento.

Detention

Durante il percorso ci troveremo così assorbiti dalla contorta storia. Serviranno solamente tre, massimo quattro ore per finire il tutto, lasciandoci l’amaro in bocca proprio nel momento in cui inizieremo a entrare nelle meccaniche e nel modo di pensare dei due protagonisti.

Altro difetto è l’assenza di una mappa della scuola; più che altro perché a volte ci toccherà tornare indietro per i piani in modo da sbloccare una nuova porta e trovare un determinato oggetto, trovandoci magari dall’altra parte dell’istituto. Un’altra cosa che risalta dopo poche ore dall’inizio sarà quella che solo la prima parte della campagna sarà composta da momenti spaventosi e piccoli jumpscare; passati i primi livelli, diventerà sempre di più un correre tra i vari piani a risolvere enigmi.

Comparto grafico suggestivo

La grafica si presenta con ambienti cupi e tetri ben strutturati e collegati tra loro, riuscendo così a trasmettere al videogiocatore un senso di angoscia e suspense tipico del genere horror. Ogni livello sarà caratterizzato da colori macabri e scuri, che ci permetteranno di vivere al meglio la sensazione di paura in qualunque ambiente e apprezzarne i piccoli dettagli, seppur non rilevanti. Ad esempio Wei e Ray indosseranno uniformi scolastiche bianchissime e i nemici saranno invece ombrosi, come quasi a rimarcare il distacco e la differenza tra esseri viventi e creature di altri mondi.

Detention

Per quanto riguarda il sonoro, questo si incastra alla perfezione con la grafica citata prima; l’intera colonna sonora si rivelerà essere un fattore essenziale per dare una spinta in più a un’atmosfera intensa e spaventosa, caratterizzata da momenti tranquilli nei corridoi insieme a suoni o effetti “strani”.

Trofeisticamente parlando: pochi trofei quante le ore

Detention offrirà solamente poche ore d’intrattenimento, circa tre, che si allungheranno fino a un massimo di quattro se vogliamo ottenere tutti gli otto trofei, di cui quattro bronzo, due d’argento e due d’oro, quasi totalmente ottenibili finendo il gioco un paio di volte. Purtroppo nessun Platino. Detention offre un’esperienza nuova che unisce un’atmosfera horror ben strutturata con una storia intrigante e misteriosa, quasi come quella dei primi Silent Hill.

VERDETTO

Detention si presenta come una piccola perla per gli amanti del genere horror. Per un prezzo modesto si potrà godere di un'avventura intrigante, che terrà il videogiocatore incollato allo schermo. Le poche ore di intrattenimento saranno compensate da un'atmosfera unica e da uno stile grafico apprezzabile, elemento che ci lascerà un piacevole ricordo di quest'opera.

Guida ai Voti

Francesco Mastroianni
Sono Francesco, amante dei videogames e di tutto il mondo videoludico. Ho 30 anni, lavoro ma nel tempo libero amo recuperare qualche titolo e rilassarmi un po’. Sono un fiero possessore di tutte le console PlayStation, ma anche di diverse piattaforme di mamma Nintendo. Insomma, non si è mai "troppo grandi" per salire di livello!