Sviluppatore: CCP Games Publisher: Sony Interactive Entertainment Europe Piattaforma: PS4 Genere: Simulazione Giocatori: 1 (Online: 2-16) PEGI: 12 Prezzo: 29,99 €

Sfruttando l’onda di notorietà che i ragazzi di CCP avevano avuto in seguito all’uscita di EVE Online, lo studio islandese decise di buttarsi in un nuovo avveniristico progetto. Facendo tesoro di tutte le nuove tecnologie dedicate alla realtà virtuale e utilizzando il background narrativo messo in piedi nell’MMORPG, questo piccolo studio ha dato alla fine alla luce un frenetico simulatore di battaglie spaziali capace di sfruttare appieno le potenzialità di un dispositivo come PlayStation VR. Sono passati però ormai circa tre anni dall’uscita di EVE: Valkyrie e tutte le rosee aspettative sono andate parzialmente in fumo.

Lo scarso successo avuto ha portato alla chiusura di CCP durante lo scorso ottobre. Prima però di tale annuncio, i ragazzi avevano lanciato sul PlayStation Store EVE: Valkyrie Warzone, un’espansione particolare che non solo andava ad aggiungere alcuni nuovi contenuti, ma andava anche a rendere ufficialmente fruibile il titolo a tutti quei giocatori che non possedevano alcun tipo di visore. Tolta quindi la zavorra derivata da particolari periferiche, il simulatore di battaglie spaziali sarà infine riuscito a rivaleggiare degnamente con altri esponenti del settore?

Star Wars

Come avrete sicuramente dedotto dalla breve introduzione, negli anni EVE: Valkyrie è cambiato profondamente. Al di là dei nuovi contenuti rilasciati, il multiplayer online ha voluto a tutti i costi arrivare a quanta più gente possibile e l’unico modo era l’eliminazione dell’obbligo del VR. Così, con l’espansione Warzone, il simulatore spaziale può finalmente rivaleggiare con gli altri esponenti del genere e può essere giocato da tutti. Nonostante si presenti come un gioco prettamente online, EVE: Valkyrie offre anche una breve ma intensa modalità single player. Questa, sebbene costituisca una semplice preparazione alle modalità multigiocatore, permette ai giocatori di prendere dimestichezza con i controlli delle astronavi, delle loro abilità e delle varie meccaniche in gioco.

Se tutto ciò si può trovare tranquillamente nell’addestramento di base, nella modalità Ricordo è possibile invece vivere una breve campagna. Seppur solamente abbozzata, quattro missioni permettono di avere una visione più chiara dell’universo rappresentato. Il nostro alter ego non è altro che un clone creato con l’unico scopo di combattere, morire e reincarnarsi; tutto per contribuire alla creazione di un potentissimo esercito immortale. Dopo varie (e confuse) vicissitudini, però, la nostra esistenza verrà salvata da Ran Kavik, la leader dei ribelli. Nell’oretta necessaria per completare la breve campagna non aspettatevi miracoli. Le singole missioni serviranno solamente per introdurre il giocatore alle varie modalità di gioco e gli daranno un primo assaggio di quello che poi lo aspetterà online. A concludere l’offerta single player troviamo infine le modalità Sopravvivenza (classico sistema a orde) ed Esplorazione, che permette di conoscere a fondo i vari scenari di gioco.

Dopo il breve excursus dedicato al comparto single player, è arrivato il momento di conoscere la vera essenza del titolo: il multiplayer online. Basterà però un rapido sguardo alle varie modalità di gioco e al sistema di loot box per rendersi subito conto di trovarsi di fronte a qualcosa di trito e ritrito. Estrazione, Controllo, Deathmatch a squadre e Assalto saranno le modalità online che potremo affrontare contro utenti reali oppure contro l’intelligenza artificiale, con l’opzione Co-op vs IA. Lanciarsi in caotici scontri permette di accumulare punti esperienza per potenziare le navi oppure di sbloccare delle capsule premio che, una volta aperte, forniranno una vasta scelta di personalizzazioni per navi e piloti. Purtroppo EVE: Valkyrie non ha altro da offrire, il tutto si limita a rifare partite su partite per potenziare al massimo il proprio hangar o per ottenere un particolare equipaggiamento per il pilota. Insomma, il classico sistema di crescita tipico dei titoli multiplayer più recenti.

Rispetto alla versione base del titolo, EVE: Valkyrie Warzone offre una serie di contenuti e modifiche piuttosto interessanti. La cosa più importante risulta essere la possibilità di accedere fin da subito a tutte le navicelle disponibili. Dimenticatevi quindi ore e ore di farming estremo. L’espansione, inoltre, per ampliare al massimo il bacino d’utenza, permette anche di giocare insieme a utenti di altre console grazie al cross-platform e insieme ai possessori di VR grazie alla cross-reality. Purtroppo però bisogna fare una spiacevole considerazione. In tutte le dieci ore necessarie per buttare giù la recensione, i giocatori reali sono stati ben pochi. Per fortuna, per compensare la problematica piuttosto fastidiosa, dobbiamo elogiare l’ottimo sistema di bot che, nonostante le ovvie limitazioni, ben si comporta anche nelle situazioni più irruente.