Sviluppatore: Purple Tree Games Publisher: Klabater Piattaforma: PS4 Genere: Sport Giocatori: 1-4 PEGI: 3 Prezzo: 17,99 €

Prima dell’avvento delle console casalinghe, gli appassionati di calcio si sono rovinati i polsi giocando al mitico Virtua Striker 2, soppiantato poi dalla coppia di rivali FIFA e Pro Evolution Soccer. Golazo! Football League tenta di rievocare i fasti del passato e di riportarci in un mondo dove il calcio era ridotto all’osso. Ecco la nostra recensione.

golazo football league

Album dei ricordi

Il primo Virtua Striker, la famosa serie calcistica di SEGA, arrivò nelle sale giochi nel lontano 1994 come tributo al Mondiale statunitense, tristemente impresso nella memoria degli italiani per via del rigore sbagliato da Roberto Baggio. Il gioco, dotato di modelli poligonali grezzi ma ispirati, dava accesso alle sole Nazionali, puntando tutto sulla possibilità di affrontare la competizione partendo dagli ottavi e cercando di consumare meno monete possibili. A distanza di oltre quindici anni, il team di Purple Tree Games ha deciso di riportare lo sport più amato del mondo alla sua essenza, abbandonando le pesanti e complicate simulazioni offerte dai già citati FIFA e Pro Evolution Soccer per offrire agli appassionati un calcio semplice, intuitivo e di stampo volutamente arcade.

La scelta è chiara fin dal primo avvio di Golazo! Football League, dove i videogiocatori verranno accolti da un breve ma esaustivo tutorial che spiegherà le meccaniche di base. Niente di nuovo per chi bazzica i campi verdi, dato che i comandi sono pressapoco gli stessi che è possibile trovare altrove, nonostante la semplificazione di certe azioni sia evidente. Una volta appreso come giocare, ci si ritroverà nello scarno menù che darà accesso alla partita veloce, a due tipologie di campionato e a un negozio dove acquistare divise e gadget.

golazo football league

Sciabolata morbida

Per mettere alla prova Golazo! Football League ci lanciamo subito in una partita veloce, in cui sarà possibile notare la grande varietà di squadre disponibili. Nessuna licenza ufficiale per quanto riguarda le divise, ma saranno comunque presenti tutte le Nazionali del mondo. Scelto il proprio team sarà possibile impostare l’uniforme da casa o da trasferta, decidere con quale formazione schierare i sei giocatori in campo e dare qualche calcio al pallone. Abbiamo specificato non a caso il numero di atleti presenti in campo; trattandosi di un arcade votato all’immediatezza, Golazo! permetterà di utilizzare meno calciatori, che non potranno nemmeno essere scelti. Ogni squadra avrà un team predefinito con calciatori dalle fattezze scelte più o meno casuali (come l’afroamericano biondo che milita nella Nazionale italiana) e uguali tra loro a livello di capacità.

Nessun ruolo in cui posizionare tatticamente i calciatori, nessuno schema ingabbiante e soprattutto nessuna particolare abilità; tutto è stato semplificato per lanciare i giocatori nel vivo dell’azione, mettergli la palla tra i piedi e invogliarli a giocare semplicemente a calcio. Anche i falli sono stati eliminati; ogni intervento scomposto subito caricherà una barra invisibile che, una volta riempita, darà accesso a poteri speciali da sfruttare per avere la meglio sul nostro avversario. Unica eccezione i colpi subiti in area, che come da regolamento permetteranno di usufruire di un calcio di rigore.

golazo football league
1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
5/10
Articolo precedenteUFC 4: pubblicità sì, pubblicità no, EA la rimuove e chiede scusa
Prossimo articoloSkyrim arriva dappertutto, anche sui test di gravidanza
Stefano Bongiorno
Nato e cresciuto in cattività, il giovane Stefano è stato svezzato a latte in polvere e Nintendo, cosa che lo ha portato con gli anni a dover frequentare svariati osteopati a causa delle deformazioni alle mani causati dall'uso di pad rettangolari. Oggi ha una certa età e scrive per il Bit, non perché abbia una scelta, ma perché altrimenti il boss Dario lo fustiga con le copie invendute di Digimon All-Star Rumble. Nel tempo libero si dedica occasionalmente al suo lavoro di commesso di telefonia e soprattutto alla caccia al Platino, con scarsi risultati.