Sviluppatore: Wish Fang Publisher: Ratalaika Games Piattaforma: PS4 (disponibile anche per PS Vita) Genere: Puzzle Giocatori: 1 PEGI: 3 Prezzo: 9,99 €

“Se ci fosse un altro me, che mi osserva dal punto di vista dello spettatore, come giudicherei l’altro me? Andrei d’accordo con l’altro me?”

I and Me, sviluppato da Wish Fang, è un puzzle game con meccaniche platform, un comparto audio estremamente rilassante e una difficoltà via via crescente che, seppur non porti alla distruzione del controller, farà essere il gioco stesso un simpatico stimolo mentale.

Non un semplice puzzle game

Nel gioco controlleremo due adorabili gatti che dovremo guidare fino a delle cornici che serviranno da traguardi per la risoluzione del livello; tutto molto semplice, se non si conta il fatto che i due felini si muoveranno in simultanea poiché, per puro valore simbolico, sono ognuno lo spettatore dell’altro, due facce della stessa medaglia, che non riusciranno mai ad arrivare al proprio traguardo se non ci arriverà anche l’altro.

Questo fa di I and Me un puzzle game che offrirà una certa sfida ai giocatori, ma non di quelle esagerate, giocatori che, accompagnati da una fantastica colonna sonora, dovranno scortare i due gattini al traguardo, ragionando con calma in alcuni livelli ma compiendo scelte estremamente rapide in altri per superare intere legioni di ricci, pecore e api; esatto, altri animali, che probabilmente per gli sviluppatori avranno un qualche valore simbolico, vi bloccheranno la strada e, anche in casi del genere, la mente del giocatore dovrà essere rapida per evitare di essere colpiti e ricominciare il livello. Pur non essendo particolarmente dettagliato, il level design offrirà una visione quasi onirica dei livelli, che cambieranno ogni volta in base al a capitolo che si sta giocando. Ognuno costituirà una stagione, e una menzione d’onore va all’autunno, che risulterà essere quello più rilassante e pittoresco.

Difficoltà crescente ma superabile senza enormi grattacapi

Man mano che si giocherà, vedremo il complicarsi dei livelli che inizieranno a offrire vere e proprie sfide mentali anche ai giocatori più incalliti, poiché, come già detto, l’effettiva difficoltà del titolo si troverà nella scelta degli sviluppatori di controllare i due personaggi contemporaneamente. Ciò porterà a ripetere più e più volte un livello, perché magari, arrivati a un passo dalla fine, ci troveremo a causare la fine prematura di uno dei felini, che si suiciderà lanciandosi in acqua o contro un’ape in seguito a un comando sbagliato. Il “traguardo” dei livelli sarà formato da due cornici, dove il giocatore dovrà posizionare contemporaneamente i due gattini e far partire una “foto” che indicherà il superamento del rompicapo; i due micetti si muovono in perfetta sincronia, sarà il gioco stesso a dare la possibilità di modificare il percorso di uno o dell’altro posiziando piccoli ostacoli che serviranno ad aumentare la distanza di un gatto dall’altro, oppure oggetti che renderanno a specchio i movimenti dei personaggi, sia per dare difficoltà che per dare modo, effettivamente, di riuscire a completare il livello.

Procedendo con l’avventura si troveranno anche oggetti che resetteranno le azioni di uno dei felini, per esempio, nel caso l’azione appena compiuta non sia stata gradita dal giocatore. Ma, attenzione, scopo del gioco è probabilmente quello di raccontare più una storia che rendere i puzzle effettivamente impossibili, infatti tramite la pressione del tasto R1 potremo guardare la soluzione dell’intero livello senza ricevere penalità o simili, procedendo tranquillamente tra gli enigmi.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7/10
Articolo precedenteSEGA dice la sua sul rinvio del film di Sonic
Prossimo articoloTHQ Nordic acquisisce Milestone e altri due compagnie
Avatar
Cresciuto a pane e videogiochi, mastica qualsiasi genere videoludico che non sia sportivo. Lettore di fumetti. Fa il cuoco e studia lingue straniere!