Publisher: Wave Interactive Developer: Wave Interactive
Piattaforma: PS4 Genere: Action-Adventure Release Date: 2017

Può uno studio fondato da pochi anni e formato da soli tre dipendenti attirare l’attenzione del mondo videoludico, ormai in stallo a causa di titoli con tematiche abbastanza ripetitive? Wave Interactive tenta di sbalordirci con il suo primo progetto chiamato Buck, un 2D action-adventure post apocalittico ispirato da un cane reale. Già, perché è stato un vero e proprio quadrupede (ormai deceduto) a dare l’idea agli sviluppatori per il protagonista e i vari personaggi del gioco.

Buck_001

Un mondo di cani…

Buck è un cane meccanico e motociclista che decide di abbandonare il suo lavoro e la sua vita per scoprire la verità su Jodie, ragazza sparita nel nulla da un giorno all’altro. Egli dovrà farsi strada in un mondo che comprende a malapena per scoprire la verità, un mondo che come ambientazione ha la classica varietà post apocalittica con un tocco di atmosfera Noir, in modo da rendere il tutto ancora più avvincente. Dopo un breve filmato di intermezzo il gioco ci catapulta subito nell’azione, introducendoci alle meccaniche base con un rapido tutorial.

Una volta mossi i primi passi, potremo subito notare che Buck non è un action-adventure poi così convenzionale: ogni personaggio del gioco infatti ha le sembianze di un cane. Come vi accennavamo nell’introduzione, questo titolo è ispirato da un animale realmente vissuto e per questo tutti i suoi protagonisti (che siano secondari o principali) sono unicamente cani delle razze più disparate, con cui potremo interagire per ottenere missioni necessarie per avvicinarci, a piccoli passi, alla tanto attesa verità sulla scomparsa di Jodie. Ogni dialogo con i vari personaggi è inoltre arricchito dalla possibilità di scelta tra varie risposte, in modo da rendere la trama di gioco più immersiva possibile.

buckanteprimaimmagine06

Più sono… peggio è!

Partiamo col dire che Buck, essendo un gioco 2D a scorrimento laterale, ha meccaniche molto semplici da imparare. Il gameplay è tutto incentrato sullo sparare e schivare i vari nemici che si parano davanti; semplice da dire, ma in realtà molto più complicato di quello che potreste pensare. L’intelligenza artificiale del gioco infatti, ci manderà spesso contro gruppi di nemici con cui dovremo destreggiarci per cercare di sopravvivere, facendo attenzione anche a risparmiare vita e munizioni, data la loro presenza molto limitata nei vari scenari. Nell’analizzare il sistema di combattimento inoltre, abbiamo notato una delle caratteristiche più particolari di Buck: i vari nemici che dovremo affrontare, presi singolarmente sono estremamente semplici da sconfiggere, affrontati in gruppo invece risulterà piuttosto difficile riuscire ad avere la meglio senza dare fondo a tutte le proprie risorse.

L’IA del gioco è stata pensata per mettere in seria difficoltà il giocatore, costringendolo ad usare combo sempre diverse per uccidere chi gli si para davanti: ogni nemico infatti, avrà un punto di forza e un punto debole e quindi alcuni saranno più deboli contro le pistole, altri avranno più resistenza con attacchi pesanti o magari, altri ancora saranno più facili da sconfiggere in uno scontro corpo a corpo. La scelta della armi, nella demo che abbiamo provato, è stata però piuttosto limitata: solamente un’arma primaria (un comune fucile a pompa) e un’arma secondaria (un semplice paio di pistole). Ci attendiamo comunque un arsenale molto più ricco nella release completa.