Sviluppatore: Lose Publisher: CIRCLE Entertainment Piattaforma: PS4 Genere: Visual Novel Giocatori: 1 PEGI: 12 Prezzo: 34,99 €

Viviamo un periodo storico in cui la tutela dell’ambiente ha preso sempre più piede nei dibattiti politici e nelle gerarchie prioritarie dei diritti fondamentali dell’uomo da tutelare. In questo contesto si colloca Maitetsu: Pure Station, titolo d’esordio di Lose che vanta una storia emotivamente accattivante volta a trasmettere messaggi taglienti.

Maitetsu

In difesa del fiume Kuma

La trama di Maitetsu è molto semplice, ma intrigante. La storia è ambientata in una piccola città della regione del Kyūshū chiamata Ohitoyo, dove i treni rappresentano il mezzo di trasporto pubblico più diffuso. Alla guida di ogni treno c’è un automa, chiamato Raillord, in grado di dialogare telepaticamente con i colleghi e di risolvere algoritmi decisionali in tempi rapidissimi. Questo consente di gestire la crociera nella maniera più sicura possibile. Purtroppo, dieci anni prima degli avvenimenti del gioco, ci sono stati numerosi incidenti, fra cui quello che ha coinvolto i due protagonisti di Maitetsu: Pure Station: Soutetsu e la Raillord Hachiroku.

Hachiroku, a causa di un guasto tecnico, decide di far deragliare volutamente il treno, così da ridurre al minor numero possibile i decessi. Sul treno c’è un piccolo ragazzo di nome Soutetsu che sopravvivrà all’incidente, ma rimarrà orfano dei genitori e dell’amata sorellina. Il ragazzo verrà salvato grazie all’ausilio di un Aircra, aereo monoposto che sfrutta i raggi solari e i campi magnetici. Dopo le cure, Soutetsu verrà adottato da una famiglia della città, proprietaria di una distilleria nei pressi del fiume Kuma.

La storia si sposta di dieci anni, quando Soutetsu torna a casa dopo gli studi nella capitale per difendere il paese che lo ha ospitato da un progetto di industrializzazione forzata che prevede la costruzione di una fabbrica di Aircra, proposto dalla banca centrale per risollevare la crisi economica che pende su Ohitoyo. La costruzione della fabbrica comporterebbe l’inquinamento delle acque del fiume Kuma e la rovina della natura circostante (mandando in tilt la distilleria familiare). Soutetsu si troverà quindi a contrastare la tecnologia che lo ha salvato, trovando come unica via di uscita la resurrezione dei treni, dovendo affrontare il suo passato e le sue fobie. Il ragazzo troverà nella stanza del defunto nonno una bambola disattivata, che si rivelerà proprio essere Hachiroku, e grazie a quest’ultima, che mostrerà presto un forte lato umano, cercherà di riattivare la catena ferroviaria di Ohitoyo.

Maitetsu

Una ragnatela di personaggi

Oltre ai sopracitati Soutetsu e Hachiroku, gli altri personaggi principali dell’opera saranno le due sorelle adottive del protagonista, ossia l’intelligentissima Makura (padrona della distilleria) e la piccola Hibiki, artista dall’enorme talento particolarmente affezionata al fratello. A queste si aggiungono Kisaki, leader della banca centrale estremamente matura e migliore amica di Hibiki, e Paulette, sindaca del paese e presidentessa delle ferrovie di Ohitoyo, una ragazza di grande cultura e forza di volontà, accompagnata dalla Raillord Reina, probabilmente il personaggio più criptico. Chiudono il cerchio la timida Fukami, che conduce i tour turistici in barca sul fiume Kuma, e la sua migliore amica Nagi, piccola peste iperattiva.

Questo interessante cast consente allo sceneggiatore dell’opera, Hyou Shinkou, di creare degli intrecci fra i personaggi assai convincenti. Saremo infatti coinvolti in dibattiti politici, economici e infrastrutturali. I rapporti fra i personaggi verranno messi in discussione a seconda delle loro idee politiche e sullo schieramento ambientalista anziché capitalista, o viceversa. I personaggi meglio riusciti e con una profondità caratteriale e ideologica spiccata sono indubbiamente Hibiki e Kisaki, protagoniste, in un dibattito presidenziale, della scena più interessante. In generale, comunque, tutti i personaggi sono ben delineati e distanti dai soliti stereotipi.

Maitetsu

Gameplay? Cos’è?

Maitetsu è una kinetic novel, un sottogenere delle visual novel dove non è previsto alcun tipo di gameplay, comprese le scelte di dialogo che possono indirizzare la trama. Dunque si tratta di un racconto, piuttosto che di un gioco, che sfrutta immagini, voci e musica, in aggiunta al testo. Ci teniamo a sottolineare che non consideriamo questa scelta un difetto; preferiamo decisamente una storia raccontata come l’autore l’ha ideata, senza tanti raggiri, piuttosto che una sequenza di scelte di dialogo che ci illudono di possedere il potere di avere un impatto sulla storia, salvo poi ricadere tutti nello stesso finale, passando per i medesimi punti di svolta.

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
5/10
Articolo precedenteGTA Online, onoriamo i laser grazie agli sconti sulle armi futuristiche
Prossimo articoloCaptain Tsubasa: Rise of New Champions, ecco la nazionale statunitense
Avatar
Catalizzatore di flame sul web e drogato seriale di fantacalcio, Giovanni vede il videogioco come un'espressione artistica piuttosto che come un mero intrattenimento privo di contenuti significativi. Per questo motivo, ripudia il 90% dei AAA e si tuffa sfacciatamente nel mercato indipendente, rimanendone il più delle volte scottato seppur senza rimorsi. Amante della musica di qualità, delle narrazioni articolate e di design ispirati, si è tuttavia mostrato fin dall'adolescenza ossessivamente attratto dai personaggi femminili antropomorfi, mistici o animati, universalmente conosciuti come waifu. Rappresenta orgogliosamente la vena toscana del Bit.

1 COMMENTO

Comments are closed.