L’uscita di WWE 2K20, ultimo capitolo del videogioco dedicato agli amanti del wrestling, è stata accompagnata da una serie infinita di segnalazioni sulla natura quanto meno grezza del titolo. A quanto pare, come dimostrano i numerosi messaggi social che hanno fatto tendenza sotto l’hashtag #FixWWE2K20, il gioco soffre di numerosi bug che vanno dal macabro al comico e che rendono l’esperienza, se non ingiocabile, comunque tutto fuorché immersiva e soddisfacente.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, negli Stati Uniti Sony starebbe accogliendo alcune richieste di rimborso da parte di utenti insoddisfatti. Non tutti sembrano essere così fortunati, e alcuni sostengono che molto dipenda anche dall’opportunità di interfacciarsi con il giusto operatore in fase di assistenza, ma esistono screenshot a riprova dell’emissione dei rimborsi. In ogni caso, resta il fatto che i problemi del gioco sono molto seri e viene da chiedersi come sia possibile immettere sul mercato un prodotto in queste condizioni. Di sicuro avremo materiale a disposizione per i nostri Bit Bug Days su Facebook…