Publisher: Team17 Developer: Ghost Town Games
Piattaforma: PS4 Genere: Cucina in co-op Giocatori: 1-4 PEGI: 3 Prezzo: 4,49 € The Lost Morsel / gratuito The Festive Seasoning

Overcooked, titolo pubblicato dal celebre publisher Team17, in quel di PlayStationBit ha ottenuto un certo successo, in sede di recensione. Si tratta di un titolo fresco, simpatico, innovativo e soprattutto basato sul multiplayer da divano, cosa che non può che farci piacere. E’ dunque con una certa curiosità che abbiamo appreso dell’annuncio di The Lost Morsel, il primo DLC a pagamento, seguito da The Festive Seasoning, contenuto scaricabile invece gratuitamente.

Stranamente il secondo risulta migliore del primo, dunque eccoci qui a pubblicare una recensione che riguarda entrambi i DLC al fine di avere un quadro completo di ciò che vi aspetta. Ad onor di cronaca segnaliamo anche la presenza dell’Holiday Bundle, che contiene tutto quanto di seguito analizzato, dunque i due DLC – ovviamente oltre al gioco base.

overcooked-the-lost-morsel-001

The Lost Morsel

Team17 e Ghost Town Games, publisher e sviluppatore, hanno collaborato per dare ad Overcooked nuova linfa vitale, attraverso questo contenuto scaricabile al prezzo di circa 5 euro. Il tutto è probabilmente un pretesto per mettere in vendita la rispettiva versione retail di Overcooked, inizialmente previsto solo in digitale, chiamata Gourmet Edition.

Il DLC infatti amplia l’offerta del gioco base, e ci sta benissimo come aggiunta già inserita per chi voglia acquistare l’edizione fisica del gioco. Ma. C’è un ma. The Lost Morsel risulta di una povertà sconfortante se preso come contenuto a pagamento a sé stante. Il perché è presto detto: le aggiunte sono così essenziali che sarebbe stato lecito aspettarsi che fossero aggiunte come aggiornamento gratuito.

Cominciamo dalla nuova mappa di gioco, di dimensioni davvero infime e che altro non è se non un menù interattivo in cui scegliere il livello che si vuole affrontare, proprio come accadeva nell’originale Overcooked. Per muoverci attraverso di esso potremo usufruire di un nuovo mezzo, l’elicottero, che però al di là delle apparenze non comporta alcuna variazione rispetto a quanto visto in precedenza.

Venendo un po’ più direttamente al dunque, procedendo all’acquisto di The Lost Morsel potrete accedere a sei nuovi livelli e ad altrettanti cuochi (Dinosaur, Robot, French Bulldog, Panda, Bear e Pig) sbloccabili a suon di punteggi alti. Il punto è che considerato il prezzo – cinque euro – e il numero dei livelli presenti – sei, come appena detto – a livello di spesa sembra quasi di stare in sala giochi, con circa un euro speso per livello, manco fossero gettoni.

overcooked gourmet edition 001

The Lost Morsel è veramente tutto qui, con nessuna aggiunta alle dinamiche di gioco. Il design dei diversi stage è ancora una volta ispirato ed è almeno consigliabile avere finito la campagna del gioco originale prima di iniziare questa espansione, dato il tasso di difficoltà piuttosto elevato tra piattaforme che si spostano, palle di fuoco da schivare e topi che si porteranno via, nelle loro tane, ciò che state preparando. Ma, insomma, il pacchetto offerto è veramente misero; se ci dovessimo limitare a fare una recensione di questo singolo contenuto, il voto sarebbe certamente insufficiente, pur con l’attenuante che questo è disponibile gratuitamente nella Gourmet Edition.

Overcooked però è veramente troppo simpatico, e dunque, per bilanciare la situazione, nella pagina che segue trovate il nostro parere sull’altro DLC menzionato, quello totalmente gratuito e pure meglio riuscito, in maniera del tutto paradossale.

1 2 Succ
Verdetto
Voto - 7/10
Dario Caprai
Ormai legato anche affettivamente a PlayStationBit, predilige ormai tutto quello che punti alla semplicità e che magari non costringa a decine di ore di subquest, considerato il tempo libero sempre più scarso (Batman Arkham e Fallout permettendo). Filosenecano, crede che non esista cosa migliore del dedicare tempo a sé stessi e alle proprie passioni, con buona pace di successi universitari, imperdibili Erasmus e brillanti carriere lavorative. Last but not least: adora le notizie trash.