Seppur Dissidia Final Fantasy NT sia uscito da più di un anno, Square Enix sta continuando a supportarlo in maniera decisa; da poco, infatti, è disponibile un nuovo personaggio tratto da Final Fantasy XIV. Il titolo, disponibile anche in una versione gratuita che permette ai giocatori di utilizzare alcuni lottatori a rotazione settimanale, però, ha subito molte critiche per il suo battle system. In particolare i fan hanno disapprovato il passaggio dalle battaglie individuali alle lotte tra squadre formate da tre membri. La situazione, però, in futuro potrebbe cambiare e a confermarlo ci ha pensato il game director Takeo Kujiraoka.

Kujiraoka, interrogato su questo argomento durante un’intervista, ha rivelato che il battle system usato nei vecchi capitoli di Dissidia è più funzionale ma che, purtroppo, le lotte uno contro uno non vedranno mai la luce nell’ultimo capitolo di questa saga:

Concordo con il fatto che le lotte uno contro uno suscitino emozioni ben differenti e offrano un gameplay totalmente diverso rispetto a quelle tra team. Tuttavia, proprio per questa diversità è molto difficile introdurre questa caratteristica in un aggiornamento di Dissidia NT. Il modo in cui i personaggi sono bilanciati dovrebbe essere rivisto dal principio dato che ognuno di essi ha punti di forza e debolezze in base al proprio ruolo. Non dico che uno dei due stili di combattimento sia meglio dell’altro, ma se vogliamo creare una modalità uno contro uno deve essere necessariamente in un nuovo capitolo.

La decisione di sviluppare un nuovo capitolo della serie Dissidia, però, non dipende esclusivamente dalla volontà di Kujiraoka e del suo team:

Dissidia è una saga che è cresciuta per merito dei fan, un nuovo percorso si aprirà solamente se sapremo sviluppare con entusiasmo.