Publisher: Ant Workshop Developer: Ant Workshop
Piattaforma: PS4 Genere: Puzzle/Action Giocatori: 1 PEGI: Prezzo: 10,99€

Se credevate che i giochi di coordinazione fossero semplicemente un simpatico passatempo per ragazzini o uno stile di vita per giocolieri e circensi possiamo subito smentirvi dicendo che i ragazzi di Ant Workshop sembrano aver preso a cuore la questione proponendoci un titolo difficile, dinamico, ironico al punto giusto e soprattutto molto, davvero molto snervante. Armati di pazienza e di qualche joystick in più (ammettiamo di averne distrutto qualcuno per la rabbia scaturita da alcuni livelli) abbiamo deciso di provare Binaries e questa è la nostra recensione!

Guarda mamma! Con due mani!

Il concept su cui si basa l’intera opera di Ant Workshop è tanto semplice quanto ben sviluppato: riuscire a testare fino in fondo la coordinazione occhio-mano dei videogiocatori. Possiamo assicurarvi che, se i primi livelli potranno sembrarvi semplici, man mano che andrete avanti inizierete a perdere la cognizione della “destra” e della “sinistra”, trovandovi così più volte costretti a morire (con tanto di contatore morti in bella vista nel menù di gioco) o in casi ancor peggiori a dover spegnere la vostra console per il nervosismo!

Binaries Recensione (3)

Non scherziamo, per quanto la parola “ostico” sia in grado di stuzzicare le menti dei giocatori amanti delle sfide, possiamo assicurarvi che la difficoltà di Binaries non sfigura dinanzi a titoli ben più noti per il loro tasso di sfida.

Un piccolo tasto per il giocatore, un grande esaurimento per il sistema nervoso!

A livello di gameplay, Binaries si presenta in modo molto essenziale al giocatore: grazie alla pressione di un solo tasto che vi permetterà di saltare e all’uso dell’analogico sinistro per spostare le vostre “sfere” sarete in grado di muovervi nei 101 livelli proposti dagli sviluppatori. I problemi arrivano però quando ci si rende conto, dopo i primi minuti, che lo stesso analogico è in grado di muovere entrambe le sfere, una arancione e una blu, all’interno dei livelli platform che, se in principio saranno semplici da affrontare perché speculari, dopo poco tempo inizieranno già a  constringervi a tenere d’occhio contemporaneamente due elementi che però, istintivamente, sareste spinti a muovere in direzioni diametralmente opposte.

Binaries Recensione (1)

Tuttavia, non essendo possibile ciò, se da un lato dovrete avanzare superando ostacoli, proiettili, portali e ulteriori chicche che vi lasciamo il piacere di scoprire, dall’altro dovrete essere in grado di immaginare un percorso che vi permetta di invertire le direzioni delle sfere, utilizzando elementi ambientali, per poter finalmente raggiungere il traguardo!

Credete che le problematiche finiscano qui?

Binaries Recensione (4)

Ci dispiace deludervi ma un ulteriore tasso di sfida per i giocatori più esigenti sarà offerto dal fattore tempo. In Binaries infatti ognuno dei livelli proposti disporrà di specifici “target time” che,  a seconda del tempo da voi impiegato (secondi o minuti), vi permetteranno di essere premiati con una classificazione “S”, se completerete il livello nel minor tempo possibile, successivamente seguita da classificazioni “A” e “B”. Come se tutto ciò non bastasse, sarà inoltre di fondamentale importanza tener d’occhio i colori poiché la sfera arancione sarà incolume agli strumenti di morte del colore blu e la sfera blu non subirà danni dagli elementi di colore arancione, spingendovi così ad elaborare una strategia per far si che le due sfere vengano il meno possibile a contatto con elementi del loro colore!

1
2
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedenteNioh: entrato ufficialmente in fase gold
Prossimo articoloLife of Black Tiger, il trailer meno apprezzato di YouTube
Appassionato di videogames, musica di tutti i generi, film e serie TV. Specializzato nel settore informatico riguardante sistemi operativi, modding, iOS e assemblaggio PC. Vivo seguendo il motto tanto semplice e mai banale "Ad Maiora!"