Publisher: Bandai Namco Developer: Dimps
Piattaforma: PS4 Genere: Picchiaduro con i capelloni Giocatori: 1-2 (Online: 2-6) PEGI: 12 Prezzo: 69,99 €

A distanza di un anno e mezzo dall’aver rilanciato a dovere l’immortale saga di Dragon Ball in ambito videoludico, Dimps torna a giocare con le linee temporali dell’opera di Toriyama cercando, anche questa volta, di accontentare un po’ tutti: dai fan di vecchia data, cresciuti a pane e nutella ed onde energetiche, stanchi di rivedere sempre le solite battaglie da anni ed anni, fino alle giovani leve che hanno alzato le mani al cielo per aiutare a sconfiggere Majin Bu giusto ieri; perché si sa, le gesta di Goku e compagni sembrano davvero non passare mai di moda.

dragonballxenoverseimmaginecopertina

Più grande, più forte

Gli intenti degli sviluppatori erano chiari sin dal titolo dato al nuovo capitolo: ampliare e riproporre i punti di forza che hanno determinato il successo del primo episodio e levigare con cura le sue diverse spigolosità per proporre al pubblico un prodotto qualitativamente e quantitativamente impeccabile. Dopo 1.4 milioni di copie vendute nell’arco di una sola settimana sembra proprio che gli obiettivi siano stati centrati, ma, se nutrite ancora qualche dubbio riguardo all’arruolarvi o meno nei Time Patrollers, scoprite insieme a noi se Xenoverse 2 fa al caso vostro!

time-patrol-trunks

Benvenuti a Conton City! 

Giusto il tempo di premere Start ed eccoci catapultati a Conton City, il nuovo HUB di gioco, capace di contenere fino a 300 giocatori simultaneamente. Come forse saprete, infatti, Xenoverse 2 eredita le sue fondamenta dagli MMO e, proprio in virtù di questa sua peculiarità, è direttamente all’interno del mondo di gioco che potrete avviare qualsiasi tipo di attività, sia essa una missione principale o uno scontro multiplayer.

I ragazzi di Dimps hanno più volte lodato il lavoro svolto per rendere Conton più ampia e varia di TokiToki City e, se possiamo spezzare subito una lancia in loro favore dopo le critiche che ho letto nei giorni scorsi, il risultato raggiunto, a nostro avviso, è di buon livello. La mappa è di una grandezza più che ragionevole, attraversabile da capo a capo nell’arco di una quarantina di secondi, giusto per darvi un riferimento, e, anche se non la ricorderemo probabilmente come una lezione di level design, si lascia godere senza troppi crucci, sia per lo stile ripreso a piene mani dall’anime, sia per la presenza di alcune location storiche, come la navicella di Freezer o la Kame House, che garantiscono un buon impatto emotivo sul giocatore.

La quantità straripante di cose da fare, inoltre, non risulta mai eccessivamente dispersiva, proprio grazie ad una mappa “funzionale” che limita al minimo le perdite di tempo dovute agli spostamenti tra una quest e l’altra. Certo, quando l’hub inizia a riempirsi di giocatori la situazione tende a diventare un po’ opprimente, ma il problema è facilmente risolvibile optando per la “sala d’attesa offline” in cui, sostanzialmente, sarete da soli a spasso per Conton, ma sempre pronti ad unirvi ad altri giocatori online semplicemente recandovi dai robottini della Capsule Corporation responsabili delle varie modalità di gioco online. Insomma, che preferiate giocare in compagnia di una squadra di amici o in totale solitudine, Conton City ha la soluzione che fa al caso vostro.

conton-city

Ma torniamo un attimo alle attività presenti nella ridente cittadina perché su questo fronte gli sviluppatori non hanno certamente lesinato e meritano una parola in più. A fianco della modalità storia di cui parleremo più avanti, Conton City brulica di volti storici tratti dal manga: potrete allenarvi con una ventina di personaggi per apprendere le loro tecniche e utilizzarle con il vostro personaggio (sì, anche di questo parleremo dopo), potrete interagire con le figure chiave delle diverse razze, come Freezer o Majin Bu, all’interno di side-quest dedicate per sbloccare le loro trasformazioni e rendere il vostro guerriero ancora più potente, potrete gettarvi nelle “missioni esperto” in compagnia di altri 5 giocatori affrontando enormi avversari come Vegeta Scimmione, potrete prendere parte a tornei Online, potrete dimostrare agli altri il vostro valore nelle partite infinite, potrete livellare nelle “missioni parallele” e tanto altro ancora.
Alla luce di tutto ciò, possiamo affermare senza timore di essere smentiti che un’offerta così ricca e varia non l’avevamo mai vista in un tie-in. Tutti i fan avranno senza dubbio di che occupare il loro tempo!

1
2
3
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8/10
CONDIVIDI
Articolo precedentePlayStation 4 Pro: la potenza dell’SSD mostrata in due video
Prossimo articoloGiochi Olimpici di Tokyo 2020: SEGA si accaparra i diritti sui videogiochi dedicati
Giacomo Bornino
Sonaro dalla nascita. Muove i primi passi nel mondo videoludico all'età di 5 anni quando gli viene regalata la PS1; scoprendo Crash CTR e Rayman 2: The great escape nasce quella che diventerà la sua più grande passione: i videogiochi. Lo svezzamento passa per l'era PS2 dove il "Trittico" Jak&Daxter/Ratchet&Clank/KingdomHearts, come una freccia di Cupido, rende indissolubile il suo amore per la materia. Al fianco di queste Pietre Miliari è d'obbligo citare anche l'impareggiabile Dragonball Z: Budokai Tenkaichi 3, compagno di mille e uno battaglie con gli amici, nonché responsabile principale della sua miopia. La piena maturità viene raggiunta con il lancio di PS3, la quale gli permetterà di scoprire e apprezzare più o meno tutti i generi esistenti, da Mirror's Edge a Bayonetta, passando per Uncharted, Heavy Rain e molti altri. Tra le altre cose adora Batman e i supereroi (sì, Batman fa categoria a sé) in tutte le salse, la saga di Matrix e i libri di Chuck Palahniuk.

4 COMMENTI

Comments are closed.