Home ConsoleNews PS4Suda 51, Hidetaka "Swery65" Suehiro e Keiichiro Toyama al lavoro sull'horror del...

Suda 51, Hidetaka “Swery65” Suehiro e Keiichiro Toyama al lavoro sull’horror del decennio?

Tre delle menti più eccentriche dell’industria videoludica si sono riunite in un inaspettato team-up per portare al mondo ciò che probabilmente sarà uno degli horror più grandi mai avuti. Conoscendo l’operato di Suda51 (Killer 7, No More Heroes, Shadows of the Damned), Swery65 (Deadly Premonition) e Toyama (Silent Hill, Siren), non ci risulta difficile sbilanciarci con delle dichiarazioni così audaci.

Due dei tre sopracitati, durante l’IGN Japan live stream, hanno annunciato di avere un progetto all’attivo insieme; all’inizio si trattava di un gioco a tema cibo per PlayStation VR, ma i tre si dimenticarono l’idea dopo essersi ubriacati. Ritrovandosi nel 2018, hanno deciso di lavorare a un nuovo horror, che prende il nome ipotetico di Hotel Barcelona, nome che lo stesso Suda ha tirato fuori dal suo cappello magico in una sessione di brainstorming prima della live stessa.

Come da titolo, Hotel Barcelona sarà ambientato a Barcellona, ma i due ammettono che in realtà il gioco potrebbe ambientarsi anche a Tokyo, in Venezuela o in Sud Africa, ma ciò che è certo è che ci sarà un hotel a fare da sfondo alle vicende in-game. Durante la live, Suda51 ha menzionato Siren e la voglia di creare un titolo simile a quello per tematiche e gameplay, oltre che per l’aspetto narrativo, e nel fare ciò ha contattato in diretta Toyama che a fine live ha risposto al messaggio del collega con un bel “sì”.

Suehiro, dal suo canto, ha aggiunto che i giocatori avranno la possibilità di seguire le vicende di gioco sotto diverse linee temporali e che vorrebbe donare al titolo non una vera e propria componente horror, ma orientarlo più verso fasi di “vera suspense, incertezze e nervosismo”. Ritornando a Suda, egli ha espresso il desiderio di orientare la seconda metà dell’opera in qualcosa di estremamente splatter, magari inserendo un personaggio cattivo (“a real evil one character”), che potrebbe spingere il giocatore a fare cose contro la propria volontà. Entrambi hanno già dichiarato di aver chiesto a Devolver Digital (Hotline Miami, Serious Sam) riguardo la pubblicazione del gioco, e la settimana prossima dovrebbero arrivare nuovi aggiornamenti riguardanti il logo del gioco e il design.

Articoli correlati

Raffaele Verde
Cresciuto a pane e videogiochi, mastica qualsiasi genere videoludico che non sia sportivo. Lettore di fumetti. Fa il cuoco e studia lingue straniere!