Josef Fares, uno dei creatori di A Way Out, ritiene che God of War e Red Dead Redemption 2, due fra i più popolari titoli acclamati dai gamer, siano molto lunghi e abbastanza ripetitivi, aggiungendo inoltre di preferire giochi dalla trama più corta, come ad esempio Marvel’s Spider-Man. Proprio quest’ultimo rappresenterebbe il suo personale Game of the Year, nulla togliendo ai due capolavori sopracitati per cui comunque Fares ha una considerazione molto alta.

La ragione per cui God of War ha vinto quasi sempre contro Red Dead Redemption 2? Credo perché God of War si prende alcuni rischi che si sono dimostrati molto fighi. Cory (Barlog) e il team hanno fatto delle cose fantastiche. Do merito ovviamente a Cory e al team ma anche a Sony per aver preso una IP davvero molto conosciuta e aver imboccato una strada completamente diversa. E’ spavaldo ed è rischioso per un AAA e penso che che abbia davvero meritato di vincere. Ho la sensazione che questa sia la ragione.

Per quanto riguarda Red Dead 2 è un gioco fantastico sotto molti punti di vista. Un po’ troppo lungo a mio parere, un po’ troppo ripetitivo nel design delle missioni. Penso che questa sia una delle ragioni per cui God of War ha vinto.

Per quanto concerne i giochi che ammiro sono pesantemente allergico alla ripetitività nelle meccaniche di gioco. Penso che sia God of War che Red Dead siano un po’ troppo lunghi. Ho bisogno di esperienze più brevi, specialmente Red Dead era troppo lungo! Chi ha tempo per un gioco così? Non ho neanche dei figli. Chi finisce questi giochi oggi? Questa è un’altra cosa di cui si dovrebbe parlare. Ci sono persone che mi dicono che il 50% degli utenti ha completato A Way Out come se fosse una cosa positiva.

Dovrei essere felice di questo? Siete fuori di testa? E’ come realizzare un film e metà delle persone escono dal cinema prima che finisca la proiezione! Abbiamo un problema grave con le persone che non finiscono i nostri giochi. Se qualcuno mi parla di rigiocabilità gli do uno schiaffo in testa (ride). Dovremmo concentrarci prima sul proporre un’esperienza fantastica.

E voi cosa ne pensate? Preferite titoli dalle trame intricate e longeve o siete per le avventure brevi e lineari?