Il mondo videoludico è stato spesso musa ispiratrice per opere cinematografiche e seriali, e negli ultimi tempi i vari The Last Of Us, Uncharted e Metal Gear Solid dimostrano ancora una volta il forte connubio che lega queste due arti. Come non citare poi le produzioni animate su cui Netflix ha fatto all-in visto il successo di Cuphead, i vecchi Final Fantasy: The Spirits Within, Advent Children o il più recente Kingsglaive e i vari capitoli d’animazione di Resident Evil? Purtroppo, però, se da un punto di vista commerciale molte produzioni possono essere state un successo, non si può dire lo stesso per alcune di esse, qualitativamente parlando, soprattutto se paragonate alle loro controparti originali pad alla mano. Per questo c’è sempre una sorta di paura latente dei fan, nel vedere rivisitate opere già affermate e poste nell’olimpo della “decima arte”.

Ultimamente sembra però che Netflix voglia davvero mettercela tutta e dopo aver ottenuto numerosi consensi con The Witcher, di cui, ricordiamo, è in corso di produzione la seconda stagione, voci di corridoio sussurrano l’intenzione di bissare il successo con un prodotto Bethesda che noi tutti conosciamo benissimo: The Elder Scrolls. Le notizie sono scarne, si limitano a rumor, ma sembrano davvero concrete le possibilità di vedere questa trasposizione; le vicende si ambienterebbero a Tamriel, lasciando ampio margine agli autori che vorrebbero renderle ambiziose ed epiche tanto quanto quelle di Geralt e soci.

Per ora è invece tangibile e reale l’annuncio estivo di un’altra serie TV, firmata Amazon Studios, che vede coinvolta sempre Bethesda e un’altra pietra miliare dei videogames: Fallout.