Sin da prima del rilascio ufficiale di Battlefield V, DICE ha sempre fatto dichiarazioni molto vaghe sulla possibilità di affittare server privati e dopo mesi di incertezza la software house svedese ha finalmente aggiornato la community riguardo il programma che prevede di noleggiare un server.

Affittare un server è stata una caratteristica fondamentale che ha incentivato il gioco competitivo e che ha permesso di estendere la vita dei vecchi capitoli della saga anche dopo la fine del supporto ufficiale; per questo, gli utenti si aspettavano che questa possibilità fosse disponibile già dal lancio di Battlefield V o aggiunta in seguito tramite un update. Dopo diversi mesi di insistenza la community ha avuto finalmente la risposta che cercava: il programma, al momento, non rientra nei piani di sviluppo. A dare questa triste notizia agli utenti ci ha pensato Dan Mitre, global community manager di DICE, che su reddit ha affermato:

Il programma [per noleggiare un server] ha bisogno di soddisfare degli standard e le vostre aspettative, questo richiede risorse. Questo programma deve avere un senso economico, non possiamo introdurre una caratteristica che ci finisca per costare più di quanto ritorni. In altre parole, non vogliamo spostare le risorse di sviluppo destinate ai giochi e ai contenuti in arrivo per il programma dei server privati. […] Il nostro team deve ancora valutare attentamente questo programma e impegnarsi completamente per fornire questo servizio o non fornirlo affatto. Aggiorneremo i nostri utenti con un comunicato ufficiale appena possibile.